Ribaltone Ragusa. Schio sotto 2-1 e venerdì match ball scudetto

Passalacqua Ragusa

La storia si ribalta completamente nel giro di due partite. Spuntata la Passalacqua Ragusa di gara uno. Concreta e a tratti spettacolare quella tra gara due e gara tre. La squadra di Nino Molino come successo un anno fa si ritrova quindi 2-1 nella serie e avrà ancora una volta come accaduto nella scorsa stagione la possibilità di centrare il primo scudetto della storia delle siciliane tra due giorni, davanti alla bolgia del PalaMinardi. Una gara equilibrata, con una prima frazione che ha visto le due compagini rispondersi colpo su colpo. La seconda frazione ha visto il primo allungo ospite, con Ragusa in difficoltà nel contenere gli attacchi delle orange. Nella ripresa è però cambiata la musica, con il terzo quarto che ha mandato in crisi la formazione arancione di Mendez: 15-2 il break che ha praticamente rimesso in corsa la formazione di casa, passando dal meno sei del ventesimo, al più sette dopo ventotto minuti. Nella quarta frazione è inoltre salita in cattedra Cinili, ancora una volta la migliore tra le ragusane: sue le triple nel finale che hanno lanciato la Passalacqua sul 2-1 nella serie. 16 punti, 4 rimbalzi e 18 di valutazione sono i numeri finali messi nel proprio bottino dalla numero sei biancoverde. Con lei ottima prova di Walker, la migliore per valutazione (20) e autrice di 14 punti con 9 rimbalzi. Per Schio, altra serata negativa in cui la sola Yacoubou ha provato a reggere l’onda d’urto sotto le plance. Troppo poco per uscire vittoriose in una gara così importante.

Il tifo di Ragusa

Il tifo di Ragusa

Così i due quintetti: Raugusa scende in campo con Gorini, Cinili, Ivezic, Walker e Pierson mentre Schio oppone Sottana, Anderson, Ress, Macchi e Yacoubou. Ivezic dall’arco, Gorini da sotto e in un amen è 5-0 Ragusa. Sottana e Anderson sbloccano Schio, ma è ancora Ivezic protagonista nello scrivere un altro più cinque a referto sul 9-4. Macchi e Sottana ricuciono fino al meno uno, ma è sull’asse Gorini-Cinili che le padrone di casa trovano prontamente le contromosse. L’ultimo acuto è però del Famila, che con il canestro di Masciadri resta incollata sul meno uno (17-16). Nella seconda frazione Schio tocca per due volte la parità, prima sul 17-17 poi sul 19-19. E’ il preludio al vantaggio delle venete, che firmano un mini break col 2+1 di Macchi a valere cinque punti di vantaggio, mentre Ragusa continua a faticare sul versante offensivo. Anderson e Zandalasini cacciano fino al meno otto la squadra di casa (21-29), ma nel finale Walker e Pierson riavvicinano prepotentemente la formazione ragusana. Mendez chiama così timeout immediato: è la mossa giusta, perché Sottana a fil di sirena piazza il 25-31.
Dopo l’intervallo lungo Walker e Pierson provano a scaldare il PalaMinardi con i punti che riportano a un singolo punto il margine da recuperare, obbligando Mendez al miinuto di sospensione. Sottana, dopo quasi sei minuti, mette i primi punti della ripresa di Schio. L’inerzia però è tutta della Passalacqua, è Cinili da tre punti a completare la rimonta, mandando a bersaglio il 34-33. Il pubblico si esalta, Gorini e Walker rimpolpano il parziale del quarto fino al 15-2 che vale il più sette sul tabellone (40-33). Gatti col piazzato e una tripla vincente di Masciadri riportano il Famila a contatto, sigillando sul 40-38 i primi trenta minuti. L’ultimo quarto comincia subito con il pari firmato da Zandalasini, ma Cinilli è indemoniata e si mette in mostra con due bombe consecutive, scrivendo il 48-42. Sono i canestri che spezzano l’equilibrio, perché il Famila in attacco va in blackout e in difesa subisce costantemente la coppia Walker-Ivezic, che firma l’allungo fino al più nove. Zandalasini è l’ultima a mollare: suoi i liberi che aprono il contro break in cui s’iscrivono prima Macchi da tre, poi Sottana in lunetta rimettendo in careggiata le ospiti fino al meno due a meno di un minuto dal termine. Qui però è la bolgia del PalaMinardi a spingere le biancoverdi: è una triangolazione rapida tra Gorini-Pierson e Walker a mandare la numero undici a timbrare il più quattro a quindici secondi dal termine. Sottana prova un tiro rapido, ma la sua conclusione non va a segno e nonostante gli otto secondi ancora sul cronometro, la formazione di Mendez decide di non spendere fallo lasciando scorrere il cronometro fino al definitivo 56-52. Euforia iblea, venerdì ghiotta occasione per chiudere la serie e fregiarsi di uno Scudetto che avrebbe del sensazionale.

La panchina di Ragusa

La panchina di Ragusa

Passalacqua Ragusa-Famila Schio 56-52
Parziali: 17-16, 25-31, 40-38
PASSALACQUA RAGUSA: Ivezic J. 9 (1/4, 2/5), Gorini M. 6 (3/5, 0/1), Cinili S. 16 (3/5, 3/3), Mauriello P. (0/1), Galbiati V. (0/2), Walker A. 14 (3/9), Gonzalez D. 2 (0/1, 0/2), Nadalin J. 2 (1/5), Sorrentino S. NE , Valerio L. NE , Pierson P. 7 (2/8, 0/2), All. Molino Antonio
FAMILA WUBER SCHIO: Yacoubou I. 9 (4/8), Gatti G. 2 (1/3), Sottana G. 12 (5/8, 0/5), Spreafico L. , Anderson J. 4 (2/9, 0/1), Masciadri R. 6 (1/2, 1/2), Sliskovic I. 2 (1/1), Zandalasini C. 5 (1/2), Ress K. (0/1), Macchi L. 12 (4/7, 1/1), All. Martinez Mendez Miguel
ARBITRI:Alessandro Nicolini, Andrea Chersicla, Silvia Marziali
NOTE: Passalacqua Ragusa tiri da due 13/37 (35,1%), tiri da tre 5/16 (31,3%), tiri liberi 15/20 (75%), rimbalzi dif. 24, off 12, palle perse 13, rec. 15. Famila Wuber Schio tiri da due 19/40 (47,5%), tiri da tre 2/10 (20%), tiri liberi 8/12 (66,7%), rimbalzi dif. 27, off 6, palle perse 12, rec. 15.

Commenta su Facebook

commenti