Ragusa sogna ad occhi aperti, batte Schio e porta la serie di finale sull’1-0. Molino euforico: “Vogliamo continuare a sognare”

Notte da oscar per tutta la Ragusa cestistica. Emozioni a non finire. Ed uno spot meraviglioso per tutto il movimento del basket femminile, quello che hanno offerto le oltre 3000 persone assiepate sulle tribune del Palaminardi della città iblea che, in diretta nazionale su Rai Sport, hanno sostenuto dal primo all’ultimo minuto le ragazze della Passalacqua Spedizioni che si sono aggiudicate la prima gara della finale scudetto contro le campionesse d’Italia in carica della Famila Schio. Quelle che, nella stagione regolare, erano state le uniche a non essere state battute da Williams e compagne. E invece nello sport capita che Davide batta Golia, e che magari si porti anche in vantaggio di 21 punti, prima di aggiudicarsi l’incontro con il punteggio finale di 73-62. Proprio come è successo al termine di uno degli avvenimenti sportivi più belli ed intensi che la città di Ragusa ricordi. Uomini, donne, bambini, intere famiglie. Un’unica grande famiglia. Un ambiente pulito, appassionato e caloroso, che vuole portare in alto i propri colori. Schio adesso avrà gara 2 e 3 in casa, rispettivamente il 26 e il 28 aprile.

Il play di Ragusa Riquna Williams al tiro

Il play di Ragusa Riquna Williams al tiro

Ma Macchi e compagne, adesso, non sembrano più imbattibili. Ed a sognare, a questo punto, non si fa peccato. “Abbiamo giocato una grande partita – ha detto coach Nino Molino nel post gara – perché se non giochi una grande partita Schio non si batte. Abbiamo fatto le cose giuste in difesa, ed in attacco volta che abbiamo mosso bene la palla ed abbiamo giocato bene di squadra. Malashenko è stata importantissima ma tutte le altre sono state davvero eccezionali. Nessuna esclusa. La vittoria di questa sera non si può mettere in discussione, con Schio che è stata in difficoltà come capita davvero poche volte in Italia. E’ solo 1-0, Schio ha ovviamente qualità ed esperienza per resettare. Oggi c’è stato uno straordinario fattore campo che poi avranno loro, ma questa è una squadra che fino ad ora ha sognato e che non vuole smettere di sognare”.
Intanto l’Amministrazione comunale ha dato mandato ai propri uffici di mettere a disposizione un video proiettore con maxi schermo che sarà installato sabato 26 aprile in piazza Duca degli Abruzzi a Marina di Ragusa per trasmettere, alle 20,30, la diretta di gara due, ed analogo servizio verrà garantito anche in occasione di gara tre di lunedì 28 aprile. Questa volta il maxi schermo per la diretta televisiva, sempre alle 20,30, verrà montato direttamente al Palaminardi. Una testimonianza dell’allegria e del senso di appartenenza che si respira a Ragusa e che viene trasmesso da una squadra di pallacanestro, sempre più veicolo di una passione sana per un’intera cittadinanza.

Passalacqua Ragusa Famila Wuber Schio 73-62
Parziali: 15-20, 29-29, 56-41
Passalcqua Ragusa: Micovic M. 12 (3/3, 2/3), Gatti G. 11 (1/2, 3/4), Mauriello P. NE , Galbiati V. (0/1), Williams R. 11 (3/12, 0/2), Walker A. 13 (6/12), Malashenko O. 22 (8/8, 1/4), Wabara N. 2 , Soli A. 2 (1/1), Valerio L. , All. Molino Antonio
Famila Schio: Reggiani E. NE , Sottana G. 8 (4/6, 0/4), Honti K. 2 (1/4, 0/3), Spreafico L. 3 (1/1), Masciadri R. 13 (1/2, 3/6), Godin E. 3 (1/1, 0/1), Larkins E. 22 (11/14), Nadalin J. 4 (2/5), Ress K. , Macchi L. 7 (2/8, 1/7), All. Mendez Miguel
Note: Passalacqua Ragusa tiri da due 22/38 (57,9%), tiri da tre 6/14 (42,9%), tiri liberi 11/15 (73,3%), rimbalzi dif. 28, off 4, palle perse 13, rec. 12. Famila Wuber Schio tiri da due 22/40 (55%), tiri da tre 5/22 (22,7%), tiri liberi 3/8 (37,5%), rimbalzi dif. 22, off 9, palle perse 10, rec. 15.
Arbitri: Stefano Ursi, Renato Giovanrosa, Marco Pisoni

La gioia delle giocatrici di Ragusa

La gioia delle giocatrici di Ragusa

Commenta su Facebook

commenti