Presentati gli Internazionali d’Italia under 14-“XXVII Trofeo Carlo Stagno D’Alcontres”

Un momento della conferenza stampa d'Alcontres

Primo atto ufficiale, stamani presso i locali del Circolo del Tennis e della Vela, degli Internazionali d’Italia di tennis under 14-‘‘XXVII Trofeo Stagno D’Alcontres” con la conferenza stampa di presentazione della manifestazione. A Messina dal 6 al 14 giugno, infatti, saranno presenti parecchie fra le migliori racchette di livello internazionale in rappresentanza di 20 nazioni. Due tabelloni da 64 giocatori (qualificazioni solo in campo maschile) più il torneo di doppio, per quasi 150 giovani tennisti al via.

Il Trofeo Carlo Stagno D'Alcontres

Il Trofeo Carlo Stagno D’Alcontres

Il presidente del Circolo del Tennis e della Vela, Antonio Barbera, ha portato i saluti dell’on. Giovanni Ardizzone, che per sopravvenuti impegni non ha potuto partecipare e, dopo aver ringraziato i numerosi partner che hanno voluto affiancare il loro brand alla manifestazione, è entrato nei dettagli dell’evento che torna a distanza di 6 anni. “Siamo felici di aver avuto l’opportunità di organizzare un torneo di questa portata – ha spiegato il presidente Antonio Barbera – il più importante in Italia a livello giovanile. Siamo pronti e siamo convinti di poter dimostrare che anche a Messina si possano organizzare avvenimenti di assoluto prestigio grazie all’apporto di imprenditori e istituzioni che hanno creduto fortemente in questo progetto”.

La locandina del Trofeo Carlo Stagno d'Alcontres

La locandina del Trofeo Carlo Stagno d’Alcontres

Istituzioni presenti alla conferenza con Daniele Bruschetta, delegato allo sport dell’Università di Messina e Nino Micali presidente del Cus Unime. Entrambi hanno ribadito l’impegno dell’Ateneo peloritano che permetterà ai numerosi atleti e ai coach di soggiornare all’interno degli alloggi della cittadella universitaria dell’Annunziata. Dopo il saluto e l’intervento del presidente del Tennis Club, Sergio Penna, ha tenuto banco il direttore del torneo, il maestro Gino Visalli che si è soffermato su alcuni aspetti tecnici. “Partirei subito col dire che ci apprestiamo a vivere 9 giorni di bel tennis. Il tabellone maschile sembra essere quello più competitivo, ma anche nel femminile vedremo sicuramente delle buone gare senza, però, le qualificazioni perché, in questo caso, partiremo direttamente dalle gare dei trentaduesimi. La presenza degli italiani – ha concluso Visalli – la reputo abbastanza importante e con ragazzi di assoluto avvenire”.

Commenta su Facebook

commenti