Pochi abbonati anche a Cosenza e Monopoli: quanto incide la tessera del tifoso

CosenzaUna formazione titolare del Cosenza, la seconda squadra che sarà di scena al San Filippo il prossimo 27 settembre

Se il dg dell’ACR Messina Lello Manfredi ha già ritenuto insufficiente il migliaio di abbonamenti già sottoscritti in riva allo Stretto, peraltro dopo un’estate all’insegna dell’assoluta incertezza, non va certo meglio in tante altre piazze. Due esempi su tutti: a Cosenza, dopo la proroga concessa dalla società, la campagna in vista della stagione 2015/2016 si è chiusa con appena 411 tessere staccate, con un incremento di 86 abbonamenti venduti rispetto alla passata stagione. Per una squadra reduce dalla vittoria della Coppa Italia di categoria ed indicata dagli osservatori come una delle possibili protagoniste non è certo un dato esaltante. A Monopoli, dove la C torna dopo un’attesa di 23 anni grazie al ripescaggio estivo, il dato definitivo si attesta vicino a quota 500. In entrambe le città ha pesato l’obbligo di sottoscrivere la “Tessera del tifoso”, non vista di buon’occhio dalle tifoserie organizzate. Ma è evidente comunque la progressiva disaffezione degli appassionati, che scelgono evidentemente anche la comodità delle dirette sul web.

Commenta su Facebook

commenti