Pesaro, Dell’Agnello scuote il gruppo: “In casa non possiamo sbagliare”

Siamo arrivati soltanto alla settima giornata del girone d’andata del campionato di serie A Beko ma per il tecnico Sandro Dell’Agnello, coach della Consultinvest Pesaro, l’incontro casalingo di domenica con l’Upea Capo d’Orlando vale già tanto in ottica salvezza. L’esperto allenatore biancorosso ha parlato sul momento della sua squadra e affrontato diversi temi d’interesse. Nel posticipo della sesta giornata giocato contro la Dinamo Sassari venticinque minuti buoni, poi è finita la benzina. Cosa ha detto la sfida del PalaSerradimigni sullo stato di salute della formazione biancorossa?
“Abbiamo giocato venticinque minuti discreti, vista la caratura dell’avversario, ma con errori da correggere, ad esempio troppe palle perse banali che hanno aperto direttamente il contropiede avversario. Per la verità avevamo anche rotazioni ridottissime viste le assenze di Myles e Crow e quindi abbiamo anche dovuto perseverare molto con la zona”.
A questo proposito notizie sull’infermeria. Come stanno Myles e Crow ed in generale la squadra?
“La mia squadra in generale sta bene anche se Myles è ancora in fase di recupero – ha avuto anche una brutta tracheite con febbre alta – ma sarà della partita, vedremo domenica in che condizioni; Crow tornerà completamente disponibile solo la settimana prossima”.
Da ex giocatore, come affronti con i tuoi rookie USA le ovvie difficoltà di ambientamento in una realtà completamente diversa dal mondo dei college americani?

Una schiacciata del centro Wally Judge (Pesaro)

Una schiacciata del centro Wally Judge (Pesaro)

“Sappiamo che ci vuole lavoro e pazienza, ci siamo già passati l’anno scorso e abbiamo dovuto ricominciare ovviamente da zero con giocatori nuovi. Il fatto di aver giocato tanti anni mi dà il vantaggio di poter capire bene le difficoltà che incontrano ed aiutarli a risolverle, ma è impossibile farlo in una settimana o in un mese. Quindi lavoriamo per migliorare, con grande tenacia, un passettino alla volta, per essere ogni settimana un millimetro migliori della precedente”.
Con Capo d’Orlando si tratta già di una partita che vale doppio, anche perchè, dietro di voi, Caserta ha provato già a dare una svolta firmando in panchina Zare Markovski e dando il via libera ad una girandola di acquisti (nella città della Reggia arrivano Antonutti e Ivanov, dnc). Come hai presentato l’Upea ai tuoi ragazzi?
“Come un avversario che arriverà per provarci senza fare sconti, ma i ragazzi sanno quanto sia importante per noi questa partita e ci faremo trovare pronti. Anche perché saremo aiutati dal fatto di giocare in casa dove, con il calore dei nostri tifosi, riusciamo ad esprimerci con più fiducia e convinzione dei propri mezzi. “

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com