Perna: “Disposto a scendere in C per una piazza importante come Messina”

C’è anche l’esperto difensore centrale Armando Perna nel mirino del Messina, che rappresenterebbe un autentico valore aggiunto in Lega Pro. Per lui infatti ben 337 presenze e quattro reti in carriera in serie B, con le maglie di Padova, Modena (con cui ha militato per ben nove stagioni), Salernitana e Livorno.

Armando Perna in azione con la divisa del Modena

Armando Perna in azione con la divisa del Modena

Il 33enne conferma i contatti con il club giallorosso: “Ho letto anche io di questa possibilità e qualcosa di vero c’è. Hanno manifestato il loro interesse nei miei confronti al mio procuratore. Nei prossimi giorni sapremo qualcosa in più. Ho ricevuto tante proposte, anche dalla B, ma fino a quando non metti una firma sul contratto non c’è mai nulla di certo”.

Da oggi Perna è uno dei settanta atleti che stanno svolgendo la preparazione a Coverciano con l’Associazione Italiana Calciatori, che in pratica affianca una propria Rappresentativa Disoccupati alle tante sorte sul territorio nazionale. Con l’Equipe Salerno si stanno allenando ad esempio l’ex portiere giallorosso Iuliano e l’ex attaccante dell’Aversa Normanna Orlando, volto notissimo al tecnico Grassadonia, che lo ha avuto con sé a Salerno e Pagani.

La presentazione di Perna a Padova

La presentazione di Perna a Padova

“Comincio proprio oggi questa avventura con l’Aic – annuncia Perna – Il mio obiettivo è sostenere qualche seduta di allenamento per restare in forma. È il primo anno che lo faccio anche perché soltanto l’anno scorso mi ero ritrovato senza squadra a questo punto della stagione. Un’esperienza che fa bagaglio”. Con lui ci saranno anche gli ex giallorossi Bolzan ed Agius e tanti “big” come Semioli, Tedesco, Tiribocchi e Vergassola.

Il difensore non scende in C dalla lontana stagione 2001-2002, quando collezionò 12 presenze in C1 a Livorno: “Da parte mia c’è la disponibilità a scendere di una categoria, anche perché Messina è una piazza importante. Poi con questo girone unico il livello inevitabilmente salirà. Magari non sarà proprio allo stesso livello della B però ci si avvicinerà”.

E' durata una stagione l'esperienza nel Padova

E’ durata una stagione l’esperienza nel Padova

Qualche volto noto nello spogliatoio giallorosso c’è: “Sono di Palermo come il mio concittadino Giorgio Corona. Conosco ovviamente Bjelanovic, che si è appena accordato con la società. Rocco D’Aiello è assistito dal mio stesso procuratore, Beppe Accardi, anche se recentemente, dopo il suo passaggio al Matera, non ci siamo sentiti. E comunque contro il Messina ci ho già giocato contro con il Modena, il Palermo ed il Livorno”.

Per una trattativa che potrebbe decollare, al pari di quella che riguarda un altro centrale difensivo, Alberto Galuppo, di proprietà del Parma, un’altra che invece sembra destinata ad arenarsi. Vi abbiamo già raccontato del domenicano Vinicio Espinal, con il procuratore Alessandro Corsi che ha scartato la possibilità di un addio immediato al Benevento e di un trasferimento a Messina.

Adesso emerge che il Catania non sembra disposto a privarsi di Pietro Terracciano, il portiere che ha già militato nel Milazzo di Lo Monaco e Ferrigno e che era in prestito all’Avellino nell’ultima stagione. Il suo contratto scadrà nel giugno 2015 e l’estremo difensore è pronto a giocarsi le sue chances con i rossazzurri. Restano in piedi le alternative rappresentate da Andrea Testa, che l’anno scorso ha collezionato ben 29 presenze a L’Aquila in Prima Divisione, e Francesco Leuci, 12 apparizioni nel Martina nello stesso girone del Messina.

Commenta su Facebook

commenti