Per l’Upea c’è lo “scoglietto” Imola, prima di tuffarsi nei play off dell’Adecco Gold

Foto di gruppo per l'Upea

Ultima fatica in regular season per l’Upea Capo d’Orlando che domenica ritorna al “PalaFantozzi” per ospitare la retrocessa Aget Imola. Un avversario da rispettare, ma un ostacolo facilmente superabile per i paladini che così concluderanno l’Adecco Gold al secondo posto in classifica.

Gianmarco Pozzecco

Gianmarco Pozzecco

Per la “banda Pozzecco” si tratterà di un atteso ritorno quello sul parquet dell’impianto di Piazza Bontempo che arriva a distanza di quasi un mese dall’ultimo impegno interno ufficiale in cui si era piegata la capolista Trento per un aggancio alla vetta poi sfumato dopo il successivo k.o. con Trapani, ed a cui è seguito due settimane dopo il riscatto con Jesi e la settimana di lavoro “ridotta” con l’All Star Game di Mantova pre-pasquale.

Sulla sfida con i romagnoli dell’Andrea Costa il rischio concreto in cui si può incorrere è quello di considerare la sfida una semplice “passerella” e non trovare le giuste motivazioni per approcciarsi alla sfida. Purtroppo il quintetto degli “ex” Vincenzino Esposito, Mitch Poletti e Marco Passera afflitto da mille problematiche non è mai riuscito a dimostrarsi competitivo nel corso della stagione, e quell’ultimo posto da “cenerentola” è rimasto una costante.

Festa Upea anche nel derby di ritorno con la Sigma

Festa Upea

Non è stato semplice preparare la gara – ammette coach Gianmarco Pozzecco in sala stampa – perché i ragazzi in questi giorni avevano diritto a riposare, ma nello stesso tempo non doveva instaurarsi un clima d’eccessivo rilassamento. I miei comunque mi hanno stupito in tal senso per come hanno ripreso a lavorare dopo questi 4 o 5 giorni di riposo. Sono molto sereno perché so come si sono comportarti durante la stagione e penso che tutto quello che hanno fatto vedere quest’anno emergerà anche nei play-off“.

Allora quasi meglio, vedere la partita come un test, evitando infortuni, per quello che sarà l’imminente quarto dei play-off in una serie da giocarsi al meglio delle tre (4, 6 e 9 maggio, più le eventuali aggiuntive l’11 e il 14). Un’altro capitolo di una stagione memorabile per la società del presidente Enzo Sindoni che attende ancora di conoscere l’avversaria di turno, ovvero l’occupante del settimo posto ed un responso che arriverà dalla sfida diretta tra Veroli e Sigma Barcellona su cui probabilmente si poserà l’attenzione di molti sostenitori orlandini.

Leonardo Ciribeni in una fase di lavoro atletico

Leonardo Ciribeni in una fase di lavoro atletico

Un successo dei laziali aprirebbe la porta ad una nuova serie di derby dalle palpitanti emozioni ed al contempo un risparmio di energie vista l’esiguità degli spostamenti. “A me basta vedere l’atteggiamento – continua Poz – dobbiamo sempre giocare con tutta la voglia di vincere possibile. Poi la vittoria del campionato dipenderà da tantissime cose. Domenica dobbiamo provare a chiudere presto la gara“.

Nella sala stampa “Daniele Di Noto” presente anche la giovane guardia marchigiana Leonardo Ciribeni per cui si prevede domenica anche un impiego dal minutaggio più esteso: “Quando si va in campo, si gioca sempre per il meglio, a prescindere da chi sia l’avversario. Affronteremo Imola così come affronteremo la prima gara dei playoff. Ci stiamo preparando bene e qualsiasi avversaria troveremo nei quarti ci faremo trovare pronti. Arriviamo tranquilli a questa post season e andremo in campo sempre per fare bene“.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti