Nuovo oro nel fioretto per il messinese Letterio Cutugno

Il maestro Letterio CutugnoSi è arricchita di un luccicante oro la collezione di podi consecutivi (12) dello schermitore peloritano Letterio Cutugno. Il maestro del Club Scherma Messina è salito sul gradino più alto al palazzetto dello sport di Zevio, in provincia di Verona, nella gara di fioretto (categoria 1) della terza prova del Circuito Nazionale Master. La manifestazione è stata molto partecipata con oltre 600 iscritti, che si sono dati battaglia nelle due giornate di competizioni. La prima è stata dedicata alla spada ed in questa specialità Cutugno ha dimostrato subito di essere in forma, conquistando, nel girone di qualificazione, ben 6 vittorie. Saltato poi di diritto il turno d’apertura degli scontri ad eliminazione, ha avuto vita facile, nel successivo duello, contro l’emiliano Daniele Gotti (15-2). E’ stato superato, invece, di misura (6-5), ad un passo dall’accesso alla finale, da Roberto Simeone (Lame Trevigiane), al termine di un incontro equilibrato e tatticamente appassionante.

Podio Zevio2

Il podio di Zevio

Nonostante le tante energie profuse, Cutugno si è presentato, a poche ore di distanza, con disarmante entusiasmo in pedana per misurarsi nel fioretto. Nel confronto d’esordio, è stato battuto, ancora per una stoccata (5-4), da Simone Macchi (Scherma Navacchio), uno dei nomi più importanti, in passato, della Nazionale italiana giovanile. L’avvio in salita non ha turbato, però, la concentrazione del portacolori dello Stretto, che si è prontamente riscattato regolando nell’ordine: il bellunese Alberto Grandini 5-0, Davy Mariotto (Lame Trevigiane) 5-1, il friulano Iuri Bottos con il punteggio di 5-0, Cesare Gangi (Piccolo Teatro Milano) per 5-1 ed il torinese Roberto Castelli, sempre per 5-1. Percorso netto nelle dirette, dove ha eliminato, tra gli altri, anche l’ostico Roberto Pulega del Piccolo Teatro Milano (10-7). Sul 6-6, Cutugno ha incassato un brutto colpo al volto, ma, dopo una sospensione di dieci minuti, ha trovato forza e lucidità per assicurarsi il successo sul lombardo con uno strepitoso parziale di 4-1.

Nell’ultimo atto, è andata in scena la rivincita con Macchi, che questa volta si è dovuto arrendere per 9-8. “E’ un oro speciale – dichiara Cutugno – non era facile, infatti, riuscire ad imporsi dopo lo forzo fisico della spada ed il poco tempo avuto per recuperare. Nel primo incontro con Macchi ho badato, soprattutto, a studiare la sua scherma e ritrovare brillantezza. Quando ci siamo rincontrati sapevo come controbattere ed ho avuto il coraggio di attaccarlo quando mancavano solo 2 secondi dal termine”.

Commenta su Facebook

commenti