Modica: “C’è voglia di lavorare divertendosi. Puntiamo ad arrivare più lontano possibile”

Giacomo ModicaIl tecnico del Messina Giacomo Modica, sullo sfondo la Curva Sud (foto Alessandro Denaro)

Giacomo Modica si gode la sua creatura. Il Messina dilaga contro la Gelbison, proseguendo la sua risalita in classifica. Cinque gol e tante occasioni create dai giallorossi in un pomeriggio da ricordare: “Abbiamo interpretato bene la partita, c’è consapevolezza e autostima, oltre che voglia di lavorare divertendosi. So che arriveranno dei momenti particolari, ma questo è il calcio e intanto ci godiamo questa fase. Spero che potremo arrivare più lontano possibile”.

Un tentativo di Ragosta (foto Alessandro Denaro)

Di fronte c’era una Gelbison che faceva della difesa la sua arma migliore, ma contro Rosafio e compagni per i campani c’è stato poco da fare. “I numeri dicevano questo, in 21 gare avevano subito 21 gol e non perdevano fuori da tre mesi. Una squadra tignosa, che fa molta densità in mezzo al campo, ma noi abbiamo sfoderato una bella prestazione, sono stati tutti molto bravi. Dobbiamo ancora migliorare nel palleggio e nel possesso, ma c’è da capire che stavamo sul 4-0”.

Quale il gol di giornata da scegliere? “Abbiamo fatto delle ripartenze importanti, chiuse col gol. La palla di Ragosta per Rosafio sul 3-0 la proviamo spesso. Si vede il lavoro e questo ti gratifica ancora di più”.

Adesso c’è da compiere un colpo in trasferta, a cominciare dalla trasferta di Acireale… “Dovremmo vincere sempre, lo so – allarga le braccia Modica – ma ogni partita fa storia a sé e dovremo cercare di essere bravi a superare le possibili problematiche, con questa intensità che ci stanno mettendo i giocatori durante la settimana trasferendola poi in partita”.

Yeboah in azione (foto Alessandro Denaro)

Dove sarebbe ora il Messina se Modica fosse stato in panchina dal pre-campionato e con questo gruppo a disposizione? “Non c’ero e non spetta a me dirlo. So che ho un gruppo di ragazzi importanti e sono felice di avere questo materiale umano che ci permette di essere in simbiosi. Ho un bellissimo gruppo”.

L’assenza di Inzoudine e non solo quella del francese tra i grattacapi in vista dei prossimi impegni: “Questa squalifica crea problemi, così come il non avere Migliorini, Cocuzza e Bettini che mi auguro di avere prossimamente a disposizione, ma di certo non lo saranno nell’immediato. Spero si possano risolvere questi problemi di natura fisica per avere maggiore assortimento”.

Commenta su Facebook

commenti