L’under 19 dell’Orlandina si sblocca al concentramento di Agropoli. Primo brindisi contro Trinitapoli

Dopo l’amarezza della gara d’esordio contro la Pino Dragons Firenze è arrivata la prima vittoria per l’Orlandina Under 19 nella fase interzonale in corso di svolgimento ad Agropoli. Battuta agevolmente la formazione pugliese del Basket Trinitapoli col punteggio di 75-41, domani alle ore 10.30 è previsto l’ultimo match contro i pari età della Viola Reggio Calabria, sfida decisiva per il passaggio del turno. Alla luce dei risultati maturati nel pomeriggio (Firenze ha battuto Reggio Calabria 57-56), infatti, domani sarà un vero e proprio spareggio per accedere al secondo turno poiché sia i biancazzurri che i calabresi hanno due punti in classifica.

Un'azione del match contro Trinitapoli

Un’azione del match contro Trinitapoli

Al PalaDiConcilio nel primo quarto partono forte i giovani biancoazzurri che concedono poco o nulla agli avversari e trovano canestri con continuità (20-6). Dopo la prima mini pausa però c’è la reazione dei pugliesi che realizzano un parziale di 2-12 in avvio di seconda frazione arrivando anche a impattare nel punteggio 26-26 a 4′ dall’intervallo. Sussulto d’orgoglio per l’Orlandina che con due triple in fila di Strati e Galipò arriva alla pausa lunga sul 32-27. Al rientro sul parquet l’Upea è padrona del gioco, a fine terzo quarto è sopra già di 28 punti (57-29) e nell’ultima frazione gestisce punteggio e energie.

Orlandina Basket – Basket Trinitapoli 75-41
Parziali: 20-6; 32-27; 57-29
Orlandina: Galipò 9, Cordici 17, Strati 12, Crisà 3, Busco 11, Motta, Ettaro, Randazzo 8, Giuliano, Munastra 3, Spampinato 10, Pappalardo 2

Nella gara d’esordio invece fatale era risultato l’ultimo quarto contro la Pino Dragons Firenze, vittoriosa  per 64-43. Contro i toscani i primi dieci minuti s’erano chiusi in equilibrio con i paladini in vantaggio (12-14), poi nella seconda frazione i toscani hanno accelerato bruscamente e hanno chiuso all’intervallo avanti di dieci lunghezze (29-19). Al rientro sul parquet, però, sono tornati in partita i ragazzi della città del Capo che, con Busco e Randazzo in evidenza (15 punti ciascuno alla fine), hanno ricucito lo strappo e si sono portati alla sirena del terzo quarto sotto di un solo possesso (41-38). Nell’ultima frazione Firenze aumenta l’intensità in difesa e prende il largo capitalizzando le palle recuperate dietro e vincendo il match con un largo vantaggio (64-43).

Questo il commento a fine gara del tecnico paladino, nonchè assistente della prima squadra impegnata nel campionato di DNA Gold, David Sussi: “Peccato aver mollato alla fine, fino al terzo quarto avevamo difeso bene e mostrato di avere opzioni in attacco anche se stavamo facendo fatica. Probabilmente dopo qualche azione non portata a termine, abbiamo pensato che non c’era più nulla da fare. Un errore di cui ci rammarichiamo. Nulla ci è ancora precluso e, anche se non abbiamo iniziato nel migliore dei modi, possiamo ancora recuperare».

Il quintetto dell'Orlandina

Il quintetto dell’Orlandina

Il tabellino di gara 1:
Pino Dragons Firenze – Orlandina Basket 64-43
Parziali: 12-14; 29-19; 41-38
Pino Dragons Firenze: Nardi 6, Colombini 6, Boschi 12, Dionisi 6, Piccini 14, Massoud 3, Mannelli 6, Merlo, Sargenti 9, Pezzati 2, Galardi, Pasqui. All. Salvetti
Orlandina Basket: Randazzo 15, Busco 15, Spampinato 2, Pappalardo 2, Giuliano 2, Cordici 2, Strati 5, Galipò, Crisà, Motta, Ettaro, Munastra. All. Sussi

Commenta su Facebook

commenti