L’ufficio quote: “Per Messina-Paganese somme non congrue”. E Gravina segnala al Viminale

Messina-PaganeseIl rigore fallito da Tavares

Poche giocate ma troppo mirate e sostanziose per una partita di Lega Pro. Questo il motivo che ha spinto i maggiori bookmakers italiani a sospendere le giocate sulla partita tra Messina e Paganese, finita 2-2. “La quantità di scommesse non è stata eccessiva, ma le tipologie scelte e le somme puntate non erano congrue a questo tipo di incontro – spiegano ad Agipronews dagli uffici quote  – Abbiamo prima registrato una forte preferenza per il segno «X», tutto sommato spiegabile visto che le due squadre sono quasi a pari punti, all’ottavo e nono posto in classifica. Tuttavia somme decisamente più alte della norma sono arrivate anche sul risultato esatto e sulla scommessa parziale/finale «2/X», (il primo tempo si è chiuso con la Paganese avanti 1-0, ndr), bancata a oltre 12 volte la posta. A questo punto abbiamo deciso di chiudere immediatamente le giocate e di segnalare la partita ai Monopoli”.

I capitani di Messina e Paganese

I capitani di Messina e Paganese

L’alert lanciato dei bookmakers è stato subito raccolto dall’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, che a sua volta ha inoltrato la segnalazione all’Uiss, l’Unità informativa Scommesse Sportive del Ministero dell’Interno. Non si tratta – come riporta Agipronews – della prima gara del Messina ad attirare l’attenzione dei bookmaker. Il primo match è stato Casertana-Messina, il 21 dicembre 2015 (finito 4-1 per i campani) prima della sosta. In questo caso a scendere era stata la quota sull’«1» abbinata all’«Over». Stesso discorso per la gara successiva: Messina-Martina del 9 gennaio, segno «1» abbinato all’Over preso d’assalto e gara che finisce 3-0 per i padroni di casa. Infine, un eccessivo numero di giocate sulla «X» è stato registrato per Messina-Benevento, chiusa però sullo 0-5 per gli ospiti.

Gabriele Gravina, presidente Lega Pro

Gabriele Gravina, presidente Lega Pro

Sulla vicenda è intervenuto anche il presidente della Lega Pro, Gabriele Gravina. “Esistono contromisure che impediscono attività negative dannose per il sistema, e quelle che abbiamo stanno dando ottimi risultati” ha detto il numero uno della terza serie in generale sulla questione legata alle scommesse, soffermandosi poi sul caso specifico di Messina-Paganese: “Abbiamo un sistema che funziona – continua Gravina – grazie al supporto dei bookmakers e di Sportradar gli avvisi arrivano puntuali e quando scattano gli alert che segnalano il superamento della soglia di riferimento informiamo le autorità, come in questo caso. Abbiamo inoltrato la segnalazione al Viminale e alla Procura Federale. Non vogliamo clamore, badiamo alla sostanza. Mi sembra che ci siano troppe interviste e troppa visibilità legate a situazioni del genere, ma noi abbiamo un altro iter. Il punto fondamentale è che il lavoro di verifica e contrasto alle anomalie funzioni, poi ci sono diversi modi per esercitare questo tipo di attività”.

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva