Lucarelli: “Una grande prova di maturità. La paura ci ha bloccato nel finale”

Lucarelli in panchina a Fondi (photo Terenzio Unicusano Fondi)

L’1-1 di Fondi è per il Messina un buon punto sulla strada che conduce verso la salvezza. Il tecnico giallorosso Cristiano Lucarelli ha spiegato nel post-partita: “Il gol subito dopo 33 secondi rischiava di vanificare tutto quello che avevamo preparato tatticamente in settimana. Come accaduto contro l’Akragas la squadra è stata però brava, dimostrando di avere la giusta maturità. Abbiamo recuperato la partita su una giocata, che ha portato al rigore, che avevamo preparato, giocando col falso nueve e i due esterni chiamati a cercare l’uno contro uno con i difensori del Fondi. Per 77 minuti abbiamo provato a vincerla, ma abbiamo sbagliato troppi gol e poi abbiamo anche rischiato di perderla alla fine, perché la squadra si è spaventata. La paura ci ha bloccato nel tentare l’assalto finale. Avevamo tanti piccoletti sia in mezzo che in avanti e la squadra si è inconsciamente accontentata del punto”.

Lucarelli

Tante le novità nell’undici di partenza per dare nuova linfa alla squadra, al terzo impegno in otto giorni: “C’erano 5 giocatori freschi dall’inizio perché volevamo fare una partita dai ritmi alti e ci siamo riusciti finché la tenuta ce l’ha permesso. Nelle ultime gare ho visto una squadra atleticamente in crescita e oggi il Fondi ha finito la benzina prima di noi. Tutto questo nonostante i due viaggi lunghissimi in una settimana, con 16 ore di pullman per arrivare ad Andria e Fondi, con tre partite in una settimana e in una situazione di classifica delicata, con polemiche che continuano a disturbarci per un problema conosciuto. Oggi non era facile, abbiamo mosso la classifica ed è stata un’altra grande prova di maturità. Anche in trasferta il vento è cambiato, dati i 5 punti in quattro partite”.

Il tecnico del Messina Cristiano Lucarelli soddisfatto per il pari di Fondi e il cambio di marcia in trasferta delle ultime settimane

Publié par Messina Sportiva sur dimanche 9 avril 2017

Commenta su Facebook

commenti