Lucarelli: “Chiedo scusa a tutti per una prestazione indecorosa. Arbitraggio sconcertante”

Cristiano LucarelliCristiano Lucarelli a Taverna di Montalto dove il Messina ha preparato la gara di Melfi (foto Andrea Rosito)

Dopo avere inizialmente lasciato lo stadio di Melfi, il tecnico del Messina Cristiano Lucarelli ha deciso di presentarsi comunque ai microfoni dei cronisti, per un rapido commento. Al cospetto di un avversario in gran forma, sconfitto soltanto una volta nelle ultime otto gare, i peloritani hanno offerto una delle peggiori prestazioni stagionali e per la prima volta sono sprofondati in zona play-out.

Messina

La panchina del Messina

“C’è rammarico per il modo in cui abbiamo perso. L’immagine che abbiamo offerto certo non fa onore a questa maglia. Non volevo parlare, ma nella mia vita ci ho messo sempre la faccia: l’ho fatto con i tifosi in campo a fine partita, lo faccio adesso con i giornalisti. Mi scuso con tutta la città di Messina per una prestazione indecorosa dal punto di vista caratteriale e non ottimale dal punto di vista tecnico, anche se nel primo tempo paradossalmente abbiamo mostrato anche qualche buona cosa”.

Lucarelli non ha digerito l’arbitraggio, contestato per la rete dell’1-0, maturata con ogni probabilità in fuorigioco, e per la doppia espulsione nella ripresa, con il doppio giallo ad Akrapovic apparso fin troppo fiscale. Il tecnico del Messina ha preferito trattenersi e lo ha detto chiaramente in sala stampa: “Il primo gol è arrivato da un fallo laterale clamorosamente dato al Melfi. C’era un rigore netto su Pozzebon che non è stato assegnato. Paghiamo un arbitraggio sconcertante, oltre i nostri demeriti. Io in carriera sul campo ho sempre fatto la guerra e questa prestazione è lontana dal mio modo di intendere il calcio. Altro non lo dico, perché altrimenti rischio di subire una squalifica a vita. Vorrei avere invece ancora qualche prospettiva in questo mondo. Mi tengo dentro una rabbia immensa e con le orecchie basse risalgo sul pullman”. Più chiaro di così..

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti