L’Ossidiana Messina ora conosce le rivali e si gode il gol in A1 di Cristiano Sarno

Ossidiana MessinaCristiano Sarno in azione a Villa Dante

L’Ossidiana Messina debutterà sabato 15 gennaio nel campionato nazionale di Serie B di pallanuoto maschile, che ripropone la formula pre-Covid19. Il girone 4 presenterà ai nastri di partenza 10 squadre. Il club del presidente Nicola Germanà si confronterà con sei avversarie siciliane (Ssd Unime, Etna Waterpolo, Polisportiva Acese, Waterpolo Catania, Waterpolo Palermo e Ortigia Academy) più altre tre di oltre lo Stretto: Rari Nantes Crotone, Napoli 2000 e Rari Nantes Napoli.

Ossidiana Messina

Un allenamento dell’Ossidiana Messina

La regular season terminerà il 21 maggio, poi spazio a playoff e playout. Il regolamento prevede l’accesso agli spareggi-promozione per le migliori quattro classificate, l’ultima retrocederà direttamente, mentre ottava e nona dovranno salvare la categoria nei playout.

“È un raggruppamento duro ed abbastanza equilibrato – commenta Germanà – ci sono diverse formazioni attrezzate per la lotta al vertice. Noi punteremo alla salvezza con il solito obiettivo di fare crescere e valorizzare i giovani. Stiamo lavorando, intanto, per farci trovare pronti e toglierci delle soddisfazioni”.

Ossidiana Messina

Cristiano Sarno in borghese

Una bellissima notizia ha vivacizzato, intanto, la settimana dell’Ossidiana. Cristiano Sarno, uno dei talenti cresciuti nel vivaio, che il prossimo 20 dicembre compirà 19 anni, ha debuttato e segnato un gol in serie A1 con la calotta della Waterpolo Milano nel match vinto dai lombardi contro Catania per 12-9. Sarno ha realizzato la rete del momentaneo 2-3.

Siamo orgogliosi per l’esordio e il gol in A1 di Cristiano – dichiara Germanà -.  Ha cominciato a giocare a pallanuoto da piccolo con noi. Già in passato ci sono stati dei giocatori dell’Ossidiana che hanno militato in A2, ma lui è il primo nella massima serie ed in più è andato subito a bersaglio. Se da un lato siamo dispiaciuti di averlo sportivamente perso per motivi di studio, siamo dall’altro felici per la bella esperienza che sta vivendo e gli auguriamo di proseguire sempre così. Sa che facciamo un grande tifo per lui”.