Lo Sport Patti è senza freni. Larga affermazione sulla Virtus Canicattì

Lo Sport Patti

Sono otto le vittorie consecutive per lo Sport È Cultura Patti che al PalaSerranò batte la Virtus Canicattì con un netto 87-64. Un match equilibrato per poco più di metà gara, nella quale la squadra di casa ha dovuto spingere al massimo per battere anche la differenza canestri subita all’andata (-19 punti). Con questa vittoria la squadra di coach Pippo Sidoti rimane al secondo posto a quota 28 punti dietro l’ancora imbattuta Cefalù (32 punti), seguita sempre dalla Costa d’Orlando a 26 e dal Green Basket Palermo a 24 che, battendo agevolmente Milazzo in casa, scavalca Canicattì e conquista il quarto posto solitario.
Lo Sport È Cultura parte in quintetto con Giorgio Busco, Custis, Bolletta, Costantino e Saintilus. La Virtus risponde con Portannese, Giusti, Spampinato, il neo arrivato Garner e Dieye. L’avvio è sicuramente per la squadra ospite che, con Portannese e Giusti, riesce a trovare due triple che danno fiducia. Entra in partita anche la novità Garner, Patti reagisce trovando ritmo in attacco e intensità difensiva, ricucendo lo strappo subito e chiudendo il primo quarto sotto di due punti (17-19) grazie a due tiri liberi allo scadere di Saintilus. La seconda frazione comincia con un parziale di 10-0 per i pattesi mentre gli ospiti ci mettono un po’ a trovare la via del canestro, che arriva spesso grazie al talento del solito Garner. Giusti esce per doppio tecnico, Custis invece sale in cattedra e lo Sport È Cultura riesce ad andare all’intervallo con una doppia cifra di vantaggio confortante (43-33). Al rientro Canicattì prova a rientrare ma il capitano Costantino non ci sta e con un bel canestro in penetrazione realizza i primi due punti dal campo per la propria squadra. Da quel momento la squadra di coach Manzo non trova più canestri, né in area né da tre punti, comincia a salire la stanchezza e le percentuali dal campo si abbassano. Patti invece è ancora carica, a fine terzo quarto il tabellone dice 67-48, allora si può provare a ribaltare la differenza canestri. L’ultima frazione, nonostante l’ampio margine fra le due squadre, è combattuta soprattutto per questo motivo ma la squadra ospite non riesce a difendere i 19 punti di vantaggio maturati all’andata. La grande determinazione dei padroni di casa ha la meglio sugli avversari e la partita finisce col risultato di 87-64. Gara alla vigilia molto complicata, diventata facile grazie alla gran voglia dei ragazzi di fare risultato pieno, contro una squadra dai valori importanti che, per buona parte dell’incontro, ha dato filo da torcere ai pattesi. Ottima prova di tutti i giocatori del roster, che confermano di avere nel gruppo il loro punto di forza. Adesso si torna in campo domenica 10 gennaio, questa volta a Giarre, contro una squadra con tanta voglia di riscatto dopo la brutta sconfitta subita a Ragusa.

(foto Lazzara)

(foto Lazzara)

Sport Patti-Canicattì 87-64
Parziali: 17-19; 43-33; 67-48
Sport è Cultura Patti: Custis 38, Saintilus 17, Bolletta 10, Busco Marco 4, Busco Gianfranco 11, Anzà n.e., Sidoti Alessandro, Mazzullo n.e., Ettaro 3, Lumia n.e., Costantino 4, Marabello n.e. All. Pippo Sidoti.
Virtus Canicattì: Garner 30, Portannese 12, Giusti 7, Colica 7, Brancato 5, Spampinato 3, Deye, Uka, Sferrazza n.e., Bosco n.e. All.: Beto Manzo.
Arbitri: Lorefice e Ferraro di Ragusa.

Commenta su Facebook

commenti