L’ex NBA Flynn è il nuovo play dell’Orlandina Basket

Flynn a Capo d'Orlando

L’Orlandina Basket ha trovato il suo play a cui affidare le chiavi del gioco nella prossima stagione della Serie A Beko: Sarà l’ex NBA Jonny Flynn (link agli highlights della sua carriera)!

Jonny Flynn con i Minnesota Timberwolves

Jonny Flynn con i Minnesota Timberwolves

Una trattativa definita nel giro di pochi giorni e nata da un’intuizione del giovane direttore sportivo Giuseppe Sindoni, dopo che per il ruolo erano stati vagliati altri atleti statunitensi come l’ex Brindisi Snaer, il figlio d’arte Drew Jr, o Starks (approdato poi a Ferentino).

La possibilità di ingaggiare Flynn, classe 1989, ex Minnesota Timberwolves, Houston Rockets e Portland Blazers, è arrivata dopo che il play nativo di Niagara Falls (New York) si era liberato dal contratto con il team cinese del Sichuan Blue Whales con cui peraltro non era mai sceso in campo per un’insieme di problemi fisici.

Ed infatti prima di definire l’ingaggio la società paladina della famiglia Sindoni ha preferito sottoporre l’atleta ad una serie di attenti controlli per due giorni sotto lo sguardo del professore Sabatino Carianni, noto specialista ortopedico e medico sociale del club, e dei test eseguiti dal preparatore Walter Allotta.

Flynn posa con la canotta dei Melbourne Tigers

Flynn posa con la canotta dei Melbourne Tigers

Superati questi accertamenti è stato concluso il contratto e Jonny Flynn sarà presentato alla stampa lunedì 1 settembre alle ore 16.30 presso la sala stampa “Di Noto” del PalaFantozzi. Oltre al nuovo acquisto dell’Orlandina, presenzieranno la conferenza il direttore sportivo Giuseppe Sindoni, il coach Giulio Griccioli e il presidente Enzo Sindoni.

Quello stesso pomeriggio i vecchi e i nuovi giocatori dell’Orlandina, concluso il mini ritiro svolto presso il Borgo Abacena di Tripi, inizieranno a lavorare sul parquet del “PalaFantozzi” in un cammino che li porterà in giro per l’Italia per alcune amichevoli, ed all’atteso “ritorno” dopo sei anni nel massimo campionato ospitando Pistoia.

Flynn ai Portland Blazers

Flynn ai Portland Blazers

Ancora molto giovane, appena venticinquenne, Flynn (183 cm per 84 kg) è un giocatore di grande talento e rapidità di esecuzione, ottimo dispensatore di assist, sa alternare con efficacia sia il tiro dal perimetro che attaccare in penetrazione le difese avversarie per attaccare il ferro.

Cestisticamente si è formato prima presso la Niagara Falls High School  (dove nel 2007 vinse l’ambito premio New York Mr. Basketball), e quindi segue l’approdo al college di Syracuse dove è subito protagonista nel quintetto, venendo anche dall’argento ai mondiali Under 19 disputato in Serbia, e con cui gioca per sole due stagioni in NCAA con cifre altissime che lo spingono all’approdo anticipato in NBA dove nel 2009 è scelto al numero 6 del draft dai Minnesota Timberwolves.

Da “rookie” non patisce il salto nel professionismo americano, giocando subito da veterano: 81 partite con una media di 29 minuti a gara con 13.51 punti, 4.4 assist che gli valgono l’inserimento nell’All-Rookie Second Team.  Il suo secondo anno è condizionato da un intervento chirurgico all’anca con le sue percentuali che ne risentono.

Flynn, neo acquisto dell'Orlandina in palleggio agli Houston Rockets

Flynn, neo acquisto dell’Orlandina in palleggio agli Houston Rockets

La sua carriera poi si evolve in dei “trade” che lo portano prima in Texas agli Houston Rockets, e poi in Oregon ai Portland Blazers, ma con numeri tutt’altro che esaltanti in un spazio che gli si è ridotto sensibilmente nelle rotazioni.

Segue la scelta di accettare le avventure fuori dagli States, Flynn accetta la proposta proveniente dall’Australia e firma in NBL con i Melbourne Tigers  con cui ritorna su alti livelli di medie (17.4, 6 assist e 4 rimbalzi) che gli valgono la chiamata per l’NBA Summer League dei Los Angeles Clippers, e dopo questa opta per l’esperienza in Cina che si è rivelata certo poco fortunata. Ora la sua carriera riparte da Capo d’Orlando, una scommessa per rilanciarsi ad alti livelli.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti