L’Aquila Bafia punta in alto. In attacco Mastroieni impreziosisce la rosa

Aquila BafiaSimone Mastroieni in azione

L’Aquila Bafia non si nasconde più e dopo aver soltanto sfiorato l’approdo in Promozione grazie ad un mercato di spessore conferma di voler puntare senza mezzi termini alla vittoria del campionato di Prima Categoria. La società biancorossa, per non lasciare nulla d’intentato, ha attirato su di sé le attenzioni di calciatori di categoria superiore subito protagonisti della presentazione ufficiale della squadra tenutasi presso l’Helios Garden di Marchesana a Terme Vigliatore.

Aquila Bafia

Un’acrobazia di Simone Mastroieni

La formazione di mister Caragliano infatti potrà puntare sul classe 2000 Daniele Di Bella, mezzala e pupillo del tecnico dopo l’esperienza comune avuta a Milazzo. Altra pedina sarà il portiere 2003 Mirco Milone che vanta un precedente campionato con la Vivi Don Bosco. Completa il trio Giuseppe Zammitti, difensore del ’99 che conosce l’ambiente avendo già giocato con Folgore prima e Nuova Azzurra dopo.

Il mercato è proseguito con l’innesto di Simone Mastroieni, attaccante del 1994 e vero colpo messo a segno dalla società presieduta da Carmelo Rao. Centravanti con il grande fiuto del gol, dal 2015 al 2019 è sempre andato in doppia cifra, risultando decisivo nella stagione 2018/2019 quando, realizzando 16 reti, contribuì al salto in Promozione del Merì. Tra le sue esperienze passate si registrano anche quelle vissute con le maglie della Berretti del Milazzo negli anni di Lega Pro, poi Città di Milazzo, Due Torri, Academy San Filippo, Merì, SS Milazzo, Saponarese, Pro Mende e Messana. Sarà un elemento importante per lo scacchiere di mister Niko Caragliano, che lo ritrova dai tempi del Milazzo.

Autori

+ posts