La Zuiki Spadafora è un rullo compressore. Il Castanea lotta ma cede sotto i colpi di Stuppia e Busco

L'organico della Zuiki Spadafora
L'organico della Zuiki Spadafora

L’organico della Zuiki Spadafora

Esordio amaro per il Castanea Basket che nella sua prima partita della stagione di serie D deve arrendersi di fronte alla maggiore caratura tecnica della Zuiki Piero Lepro Spadafora, che conquista così il secondo successo consecutivo in Riva allo Stretto, dopo aver battuto nel turno inaugurale il Basket School. I ragazzi di coach Maganza sono stati trascinati alla vittoria finale da Stuppia e Busco (38 punti complessivi). La partita non è mai stata messa in discussione. Il Nuovo Avvenire dopo appena tre minuti di gioco ha già un vantaggio di dodici punti (14-2), grazie alla dinamicità dei citati Busco e Stuppia. Per i gialloviola del tecnico Biondo rispondono, anche se non senza difficoltà, Luca Restuccia e Campi. Ma la differenza in termini di organico e di realizzazioni si vede fin da subito.

Marco Busco (Spadafora) ha messo a segno 17 punti

Marco Busco (Spadafora) ha messo a segno 17 punti

Il Castanea cerca di far ruotare i suoi ragazzi, soprattutto i lunghi. Infatti prima Manasseri, poi Gambadoro sono costretti a sedersi prematuramente in panchina per i numerosi falli fischiati, specialmente in fase difensiva. Il primo periodo si chiude con il punteggio in favore degli ospiti per 26 a 11. La storia non cambia nel secondo quarto. Spadafora pigia il pedale dell’acceleratore e incomincia a incrementare un divario che fin qui era stato di 17 punti. Il pattese Stuppia prima, poi Molino e infine Busco creano il secondo “strappo” della gara (22). Divario che viene in parte colmato dal solito Campi, che proprio non vuole arrendersi prima del tempo. Si va così all’intervallo lungo con il punteggio sul 24-50. Alla ripresa il coach spadaforese Maganza comincia le rotazioni dei suoi uomini. Entrano Biondo (10 punti), Stuppia E. (8) e Molino.

Luigi Maganza (coach Spadafora)

Luigi Maganza (coach Spadafora)

Ma il canovaccio non cambia. Il Castanea cerca sempre il suo uomo più rappresentativo, Gabriele Campi, che viene costretto a un gioco lontano dal canestro, con un raddoppio difensivo, ma che sfiorerà il trentello a fine serata. Il Nuovo Avvenire gestisce così il match fino alla fine senza problemi, confermandosi squadra da battere nel secondo campionato regionale. Il Castanea è sembrato ancora in “fase di costruzione” considerato che gli ultimi arrivati Lanzafame e Sturniolo si sono uniti al gruppo da meno di dieci giorni. Molto lavoro attende gli uomini di coach Biondo che mercoledì andranno a recuperare la partita contro la Costa d’Orlando di coach Condello. Spadafora tornerà invece in campo sabato 16 alle ore 19, facendo il suo esordio stagionale in casa, nel Palazzetto Polivalente che si farà trovare pronto per l’occasione nel match contro il Cus Palermo.

Gabriele Campi (Castanea) autore di 28 punti

Gabriele Campi (Castanea) autore di 28 punti

Castanea Messina-Zuiki Spadafora 39-81
Parziali: 11-26; 13-24; 9-22; 6-9
Castanea: Sciliberto L. ne, Bonsignore, Restuccia L.5, D’ignoti, Cutè 2, Campanella, Lanzafame, Biondo ne, Manasseri 2, Gambadoro 2, Campi 28, Sturniolo,
All: Biondo
Nuovo Avvenire Spadafora: Barbera 3, Stuppia E. 8, Biondo 10, Pirri 5, Scibilia ne, Vento 2, Busco M. 17, Molino 5, Contaldo 6, Mobilia 4, Stuppia I. 21. All: Maganza L.
Arbitri: Miceli D. e Cannata S.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com