La Casertana cade ad Andria: 2-0. Cinquina Matera, Melfi-Catania 3-3

Il trenino della Fidelis Andria

Cade la capolista Casertana che dà fiato alle speranze delle inseguitrici. I “falchetti” cedono per 2-0 ad Andria, rimediando la loro terza sconfitta stagionale. “Degli Ulivi” fatale alla squadra di Romaniello che va sotto al 37′ per effetto del gol di Cortellini, abile ad insaccare su suggerimento di Tartaglia. Campani in dieci per il rosso comminato a Murolo e padroni di casa che ne approfittano per segnare il 2-0 con Cianci al 60′. Poi l’espulsione dello stesso Cianci ristabilisce la parità numerica, ma il punteggio non cambia più. Continua la serie sì della Juve Stabia che dopo cinque pareggi di fila passa 1-2 in casa della Lupa Castelli Romani, fanalino di coda del torneo. All’8′ vantaggio dei locali con Strasser, sfruttando un errore del portiere Polito. La rimonta gialloblù è targata Nicastro. L’attaccante va a bersaglio al 71′ ed all’89’, condannando ad un ko beffa i laziali. Per Zavettieri è il nono risultato utile consecutivo. Lupa sempre più ultima: sarà dura risalire la china.

Nunzio Zavettieri in panchina

Nunzio Zavettieri in panchina

Dopo l’incredibile pareggio per 5-5 con le “vespe” l’Ischia subisce altre cinque reti nel confronto casalingo con il Matera, senza però segnarne alcuna. La debacle al “Mazzella” ha origine nel gol siglato nel primo tempo da Armellino, autore di una perfetta punizione al 44′, dopo una frazione nella quale i gialloblù si erano resi pericolosi due volte con Kanoute. La ripresa è di tutta marca lucana. Al 53′ Letizia raddoppia di sinistro, mentre al 65′ Armellino confeziona la doppietta personale. Ingrosso e Piccinni, tra l’86’ e l’88’, arrotondano il bottino, sfruttando due calci piazzati. E’ 0-5. Il Matera risale ancora, raggiungendo quota 19. L’Ischia, invece, resta a 14. Pirotecnico 3-3 tra Melfi e Catania. Al 19′ etnei avanti con Agazzi su cross di Garufo. Quattro minuti dopo Bastianoni favorisce però il pari di Longo, mancando la presa. Al 27′ i gialloverdi ribaltano la situazione con il rigore trasformato da Herrera. Russotto, al 31′, in pallonetto firma il 2-2 al termine di un primo tempo scoppiettante. Ancora l’ex catanzarese fa centro al 73′, ma la gioia dura poco, perchè grazie al guizzo di Canotto al 78′ il Melfi evita il ko, strappando un punto che comunque non muta di tanto gli scenari in classifica. In serata l’1-1 tra Monopoli e Catanzaro. Apre Agnello al 21′, rimedia Gambino, di testa, al 26′, per i pugliesi. Un punto per parte, sebbene nella ripresa siano stati più gli uomini di Tangorra a sfiorare il successo.

Commenta su Facebook

commenti