Iuliano: “A Salerno abbiamo fatto il massimo, ci è mancata soltanto la fortuna”

Rino Iuliano ai tempi della Salernitana
Rino Iuliano ai tempi della Salernitana

Rino Iuliano ai tempi della Salernitana

Ha esordito con la maglia del Messina proprio a Salerno per un autentico tuffo nel passato. Il portiere Rino Iuliano, soprannominato il Giaguaro, è cresciuto nel club granata con cui ha svolto tutta la trafila del settore giovanile. Dopo le esperienze con Battipagliese e Potenza il ritorno a Salerno nel gennaio 2008. Resta sino al giugno 2011 (con tanto di debutto in Serie B), collezionando la sua ultima presenza nella sfortunata finale playoff di Prima Divisione vinta per 1-0 contro il Verona, ma non sufficiente al salto di categoria a causa del 2-0 per gli scaligeri maturato all’andata. “Ho tanti ricordi che mi legano alla Salernitana (collega in granata nel corso della sua ultima stagione fu l’ex giallorosso Caglioni, ndr) ed è stato bello tornare all’Arechi, sul campo dove sono cresciuto, affrontando la mia ex squadra. Dispiace non essere riusciti a superare il turno di Coppa, ma abbiamo offerto una buona prestazione, ci è mancato soltanto un pizzico di fortuna. Pazienza per i rigori, che rappresentano sempre una lotteria”.

Iuliano, classe 1984, si sofferma poi sull’inizio della sua avventura in riva allo Stretto e sul rapporto con il collega di reparto Lagomarsini: “Sapevo di approdare in una grande piazza. Nella scorsa stagione avevo seguito le gesta del Messina che ha centrato la promozione e sentito parlare di Ettore che sta facendo bene anche in Lega Pro. Non mi piace personalmente stilare programmi a lungo termine, il mio compito è di impegnarmi al massimo, guardando di giorno in giorno. L’importante è comunque che la squadra faccia risultato, raggiungendo a fine stagione la Lega Pro unica”.

ll collega Ettore Lagomarsini

ll collega Ettore Lagomarsini

La prossima trasferta campana, avversaria l’Aversa Normanna, può rappresentare in questo senso un importante crocevia per la squadra di Catalano. “Affronteremo una formazione che annovera tra le sue file giocatori di categoria superiore, come Di Vicino, Orlando e Vicentin. Non sarà facile, puntiamo però ad imporre il nostro gioco per cercare di ottenere un risultato positivo, magari la prima vittoria esterna del campionato”.

L’auspicio è che l’iniezione di fiducia dopo la prestazione di Salerno può essere servita a dimenticare il pari amaro con l’Aprilia. Iuliano spiega: “Il lunedì occorre immediatamente resettare quanto accaduto la domenica, indipendentemente dal risultato del campo, anche se quella con i laziali è stata un’autentica beffa, avendo subìto gol proprio all’ultimo secondo. In questo momento non penso alla classifica, è ancora troppo presto per vedere delle formazioni che possano andare in fuga. Mi aspetto un torneo equilibrato perché tutte le squadre sono ben attrezzate, con il giusto mix tra giocatori di esperienza e giovani”.

Iuliano in presa

Iuliano in presa

Tra gli attuali compagni in giallorosso conosceva già Buongiorno e Silvestri, con lui nel 2012-13 a Campobasso, sempre in Seconda Divisione. Al difensore, che lo aveva descritto come un portiere estroso, risponde così: “Mi rivedo in questa definizione, anche perché ogni estremo difensore deve avere quel pizzico di pazzia tra le sue qualità. Oltre a Daniele e Luigi conoscevo anche Corona e Ignoffo per averli affrontati tante volte da avversario. E’ stato comunque tutto il gruppo ad accogliermi nel migliore dei modi sin dal momento del mio arrivo”.

Considerata la permanenza in Campania in vista della partita che si svolgerà domenica alle 15 presso lo stadio “A. Bisceglia” contro l’Aversa Normanna, la lista dei convocati del Messina è rimasta invariata rispetto al precedente confronto con la Salernitana. Tornano però disponibili Bucolo e Parachì, costretti a saltare per squalifica il match dell’Arechi.

Questo l’elenco completo: Lagomarsini Ettore, Iuliano Rino, Ignoffo Giovanni, Silvestri Luigi, De Bode Alessio, Caiazzo Procolo, Caldore Sebastian, Bolzan Riccardo, Quintoni Giuseppe, Cucinotta Antonio, Guilana Marc, Bucolo Rosario, Simonetti Francesco, Guerriera Marco, Siciliano Daniele, Guadalupi Mirko, Costa Ferreira Pedro Miguel, Gherardi Alessandro, Parachì Andrea, Corona Giorgio, Buongiorno Daniele, Lasagna Fabrizio.

Commenta su Facebook

commenti