Il Messina è pronto all’esordio. La coperta è corta ma il gruppo vuole stupire

Sullo, Balde e RussoLe indicazioni di Sullo a Balde e Russo (foto Ciccio Saya)

Dopo quattro anni e tre mesi il Messina torna in un campionato professionistico. Si gioca sabato sera alle ore 21, perché non ha avuto seguito l’ipotesi di un anticipo alle 18 sollecitata dagli ospiti. Una formazione ancora incompleta farà il suo esordio ufficiale contro la Juve Stabia. Sasà Sullo torna in riva allo Stretto dopo quasi 15 anni e l’Atalanta-Messina vinto 3-2 dai padroni di casa il 10 dicembre 2006.

Busatto e Konate

Busatto e Konate in allenamento (foto Ciccio Saya)

L’inizio nelle nuove vesti di tecnico sarà in salita. Pesa il ritardo accumulato, con il ritiro precampionato scattato con una rosa ancora incompleta. L’indisponibilità di Distefano e gli acquisti non ancora formalizzati di Milinkovic in attacco e del croato Celic in difesa consentono di portare in panchina appena cinque elementi. L’Acr può contare comunque su un gruppo giovane e voglioso di stupire e quindi nessuno si fascia la testa prima di partire. Peraltro la vigilia è stata movimentata dalle positività (sarebbero due) nel gruppo squadra delle “Vespe”.

La Juve Stabia ha un passato recente di spessore, con quattro campionati di B dal 2011 al 2020. L’anno scorso ha chiuso il girone al quinto posto e in estate è stato assoldato un nome di peso in panchina, Walter Novellino. Eppure il tecnico è consapevole che la sua squadra va puntellata, tanto da avere già indicato in conferenza stampa come obiettivo stagionale la valorizzazione dei giovani, che sembra andare bene a una neopromossa più che a un’aspirante big. È arrivata una seconda punta, Panico dal Novara, ma manca ancora il bomber. Sarà decisiva l’ultima settimana di agosto, in cui anche il direttore sportivo peloritano Christian Argurio definirà l’ultimo terzo dell’organico giallorosso.

Lewandowski

Lewandowski chiamato a ripetersi dopo la grande stagione a Teramo

Sullo non sembra avere grandi margini di manovra. Tra i pali ci sarà l’affidabile polacco Lewandowski, reduce da una stagione con 38 presenze e 13 gare senza subire reti a Teramo. Al centro della difesa il neo-acquisto Carillo, ex della sfida, con ampi trascorsi nelle giovanili e in C con la Juve Stabia. Il napoletano è stato il secondo marcatore di squadra a Caserta. Dovrebbe essere affiancato da Sarzi Puttini, terzino già adattato da centrale nell’unica amichevole estiva. Sulle corsie Morelli e il portoghese Gonçalves, con Fantoni alternativa dalla panchina.

A centrocampo probabile esordio per la coppia Damian-Simonetti, due degli over più attesi, tesserati dopo il primo test. Sulla fascia toccherà nuovamente a Russo. Sulla corsia opposta presumibilmente all’ivoriano Fofana, favorito sul guineano Konate, anche se ha qualche trascorso da esterno l’ultimo arrivo, l’ex casertano Matese. In avanti il duo Adorante-Balde con Busatto pronto a subentrare.

Sarzi Puttini

Sarzi Puttini si disseta: il terzino potrebbe agire da centrale

Le normative anti-Covid limitano la capienza del “Menti” a quota 3.500 posti. L’Acr Messina ha comunicato però che i biglietti acquistati nella città dello Stretto sono stati appena tre. A conferma che la Curva Sud ha scelto la linea dura dopo la designazione di Pietro Lo Monaco come dg, carica peraltro mai ufficializzata.

Il primo impegno alle porte ha la precedenza sul mercato. I messaggi d’amore sui social di Milinkovic confortano l’Acr, che considera certo anche l’approdo del croato Celic. Il terzo centrale non sarà invece Erasmo Mulè, che ha rinnovato fino al 2024 con la Juventus Under 23 e andrà in prestito al Cesena. L’altro esterno offensivo potrebbe essere Tiziano Tulissi, 24enne bergamasco con buoni trascorsi in C (sei reti e sei assist a Modena, quattro centri e cinque assist a Reggio Calabria), dopo le 33 marcature nel vivaio dell’Atalanta. Ma le alternative non mancano, come le opportunità che offrirà il mercato a fine agosto.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma