Il Covid ferma l’Alma Patti. Kramer: “Eravamo in striscia, lo stop ci penalizza”

Alma PattiIl team manager dell'Alma Patti Mariana Kramer

Week-end di riposo forzato per l’Alma Patti, fermata dal Covid-19, unico antagonista di un periodo finalmente positivo di campionato. Le siciliane hanno dovuto rinunciare alla trasferta in terra ligure, dove avrebbero sfidato la Pallacanestro Amatori Savona, e sperano in un veloce superamento delle positività, rimaste nel frattempo ferme a sei. Lo staff allenatori e le quattro giocatrici negative sono fortunatamente risultate tali anche dopo i tamponi effettuati in settimana.

Alma Patti

Sara Iuliano porta palla (foto Valeria Orlando)

“Senza dubbio l’inizio dell’anno è stato molto buono per noi – spiega la team manager Mariana Kramer –. L’inserimento di Liliana Miccio e Allegra Botteghi ha dato serenità alla squadra e minutaggio ad un gruppo di giocatrici già in crescita, per questo è un peccato fermarci adesso. Per Lulu Iuliano, ad esempio, il Covid-19 ha interrotto un momento particolarmente importante. Eravamo una squadra in striscia, questo stop ci sfavorisce anche perché ha portato alla sospensione degli allenamenti”. 

“Inoltre – continua la team manager italo-argentina – erano anche tornati i tifosi al palazzetto e per questo ci ritroveremo a dover ripartire anche su questo fronte. Questa stagione è l’ennesima in cui, insieme al presidente Attilio Scarcella e gli sponsor principali, stiamo realizzando uno sforzo enorme”. Sui social della squadra sono state tante le manifestazioni di affetto verso il gruppo dell’Alma Patti, così come i messaggi di solidarietà e supporto. “La vicinanza dei nostri tifosi resta determinante. Questo gruppo ha trovato il suo equilibrio e non vuole deludere”, conclude Mariana Kramer.