Il Castanea continua a stentare in trasferta. Giallo viola superati a Palermo

Rimessa in zona d'attacco per il Castanea

Rimessa in zona d’attacco per il Castanea

Mal di trasferta per il Castanea Basket 2010. I ragazzi allenati dal tecnico Luigi Biondo durano quattordici minuti sul campo della formazione universitaria del capoluogo. Merito di un Palermo dalle alte medie realizzative e con un Ajola che neutralizza lo spauracchio Campi. Si tratta dell’ultima partita della fase regolare del campionato regionale di Serie D, che registra per il team giallo viola la dodicesima sconfitta stagionale col punteggio di 79-62. Primo quarto equilibrato, al solito Campi, rispondono a più riprese sia Ajola che Butera. Per un punteggio finale alla prima sirena di 20 a 15. Nel secondo periodo qualcosa si blocca negli ingranaggi del Casta. Il Cus ne approfitta ed al quinto minuto del secondo periodo costruisce il parziale che divide il match (14-3). Il Castanea prova a reagire, il lungo Manasseri e il play Restuccia tentano inutilmente di ricucire lo strappo prima dell’intervallo lungo. Nel terzo periodo la musica non cambia. Il Castanea prova a rientrare in partita, ma il Cus è compatto in difesa e cinico in attacco. Coach Biondo cerca di far ruotare i suoi, ma senza risultati. Si arriva cosi all’ultimo quarto con la partita già saldamente nelle mani del Cus, che si limita a gestire il match fino alla fine. I peloritani non vogliono cercare alibi ma ma sulla sconfitta pesa anche il comportamento arbitrale che ha originato diversi tecnici comminati alla squadra ospite.

MC_695_1_smallCus Palermo-Castanea 79-62
Cus Palermo: Dioguardi 12 , Barbera 11 , Viola 2 , Catania 10, Butera 14 , Visconti 6, Garofano 12, Speciale 2, Ajola 10. All: La Rosa
Castanea: Campi 18, Rocco 4, Soliera, Sciliberto 2, Manasseri 9, Restuccia 16, Cutè 4, D’Ignoti 4, Biondo G. All. Biondo L.

Dopo questa partita si è conclusa la fase di qualificazione, svoltasi con la formula del girone “all’italiana” con partite di andata e ritorno, che ha determinato i piazzamenti in classifica delle squadre nei due sottogironi A e B che adesso si sfideranno nella “fase ad orologio” nella quale ognuna delle partecipanti disputerà quattro incontri supplementari, due in casa con le squadre che la seguono in classifica e due fuori casa con quelle che la precedono. Le giornate saranno cinque, per cui ogni squadra osserverà un turno di riposo, avranno inizio nel prossimo week end (1-2 marzo) e si concluderanno nell’ultimo fine settimana di marzo (29-30). Tali risultati concorreranno alla determinazione della classifica finale dei sottogironi. Nella “fase finale”, la terza, le prime due classificate dei due sottogironi disputeranno i play off, incrociandosi (1A-2B, 1B-2A) in partite di andata e ritorno per decretare le due squadre promosse in serie C Regionale. In caso di parità di punti segnati nei due incontri si svolgeranno i supplementari solo alla fine della gara di ritorno.
Con la stessa formula, le squadre dal terzo al sesto posto competeranno contro le squadre piazzate nella medesima posizione nell’altro sottogirone al fine di determinare il piazzamento finale nel torneo (la terza del sottogirone A incontrerà la terza del sottogirone B per il quinto e sesto posto e così via).
Le ultime classificate, ovvero le due settime, si incontreranno nel play out che si svolgerà anch’esso con la stessa modalità delle altre partite, e dal quale uscirà il nome dell’unica formazione retrocessa al campionato di Promozione.
I risultati finali di questa terza fase costituiranno la classifica finale del campionato regionale di serie D, dalla prima alla quattordicesima, e influiranno ai fini di eventuali ripescaggi o retrocessioni per la prossima stagione.MC_703_1_small

Commenta su Facebook

commenti