Igea, Mancuso: “Disattenzioni fatali, Bari top team”. Allegra: “Passivo troppo pesante”

Carmelo MancusoIl tecnico dell'Igea Virtus Carmelo Mancuso

Un epilogo già scritto, o quasi. Dopo quattro giornate e dodici punti conquistati è gia fuga per il Bari nel girone I, che nell’ultimo turno ha piegato l’Igea Virtus con un pesante 0-3 al D’Alcontres-Barone. Un risultato amaro per la compagine di Barcellona Pozzo di Gotto, alle prese con il secondo ko consecutivo dopo quello maturato al Lopresti di Palmi. Tanti dettagli da rivedere ed un attacco da migliorare, visto che l’Igea ha digiunato per la seconda volta di fila in campionato. Pochi gol e troppi svarioni difensivi, specchio di una rosa che adesso deve risalire velocemente la china per centrare il dichiarato obiettivo salvezza.

Carmelo Mancuso

Il tecnico dell’Igea Virtus Carmelo Mancuso (foto Rotella)

Una sfida andata subito per un verso, analizzata nel dettaglio da Carmelo Mancuso, tecnico dei giallorossi: “Il Bari ha dimostrato di essere una signora squadra, capace anche di sfruttare le rare occasioni che gli sono capitate nella prima frazione. Noi ci abbiamo messo anche del nostro, commettendo degli errori fatali che vanno assolutamente evitati. Abbiamo una squadra molto giovane ed i ragazzi ancora devono imparare tante cose. Cetragnolo è sceso in campo nonostante un infortunio abbastanza serio. In campo questa sua condizione era visibile a tutti e forse non è stato brillantissimo in occasione del primo gol del Bari. Nonostante ciò non dimentichiamoci che stiamo parlando di un portiere giovanissimo, che sfortunatamente non si è potuto esprimere per come è capace di fare. Gli errori fanno parte di questo sport, non gli rimprovero nulla”. 

Allegra e Rabbeni

Emanuele Allegra è il nuovo capitano dell’Igea Virtus(foto Nino La Macchia)

A commentare la gara persa con i galletti è stato anche Emanuele Allegra, difensore e capitano del sodalizio guidato da Filippo Grillo: “Non abbiamo giocato la partita che avevamo programmato. Il Bari è sicuramente una squadra appartenente ad un’altra categoria ma d’altro canto abbiamo dimostrato la nostra grinta sul campo. In occasione delle loro reti alcuni episodi sono stati fatali anche se il 3-0 risulta un passivo forse troppo pesante. Abbiamo dimostrato la nostra forza anche contro corazzate come Messina e Gela ed è dunque nostro dovere ricominciare subito. Siamo molto carichi per la sfida di Portici, non vogliamo steccare assolutamente. C’è fiducia per perseguire l’obiettivo salvezza, adesso dobbiamo fare più punti possibili”.

The following two tabs change content below.
Filippo D'Angelo

Filippo D'Angelo

Passione sfrenata per il calcio ed il giornalismo. Sogna di diventare telecronista sportivo e nel frattempo è voce di un programma radio e firma di più testate online

Commenta su Facebook

commenti