Gran gala per l’Orlandina al Mediolanum Forum. Coach Banchi: “Concentrati contro Capo d’Orlando”

Nessuna pausa anzi, le squadre non conoscono soste e quindi Natale di lavoro per l’Upea Orlandina attesa da un tour de force imposto dal calendario della massima serie.
Venerdì 26 dicembre si ritorna in campo per disputare la dodicesima giornata e per la formazione guidata da Giulio Griccioli appuntamento di gala al Forum di Assago contro l’EA7 Milano. Contro i campioni d’Italia in carica inutile ribadire le difficoltà per il team siciliano, reduci dalla sconfitta a Brindisi. Il tecnico toscano dovrà ancora una volta fare i salti mortali per la formazione essendo alle prese coi problemi fisici di Sando Nicevic, Andrea Pecile e Bradford Burgess. I primi due quasi certamente salteranno anche l’ultima gara del 2014, quella del 29 contro Varese, qualche flebile speranza di recupero la nutre l’ala americana.
Pronostico della vigilia a completo appannaggio dell’Olimpia che completa il suo 2014 milanese ospitando, come detto, Capo d’Orlando al Mediolanum Forum alle ore 17.15. Sono già stati venduti oltre 10.000 biglietti (abbonati inclusi) e quindi verrà superata la quota di 350.000 spettatori presenti alle partite casalinghe dell’Olimpia nell’anno solare 2014. Il record casalingo nel 2014, contando campionato ed Eurolega, playoffs inclusi, è 31-6.
Ecco la presentazione della gara nelle parole del coach dell’Armani Luca Banchi: “L’ultima gara casalinga di campionato dell’anno ci vedrà impegnati contro una neo promossa come Capo d’Orlando che sta confermando di poter essere competitiva anche ad alto livello. I nostri avversari arriveranno a Milano agguerriti, fortemente determinati e motivati a giocare alla pari contro l’Olimpia, come hanno già fatto altre volte contro le migliori squadre del torneo. I loro successi casalinghi contro Cantù e Sassari danno sicuramente all’Upea la consapevolezza di poter giocare bene anche partite così impegnative. La nostra speranza è che la squadra abbia percepito l’importanza di questa gara. Dovremo essere attenti, concentrati, precisi, nella gestione dei ritmi in quaranta minuti di elevata intensità”.

Il capitano dell'EA7 Alessandro Gentile

Il capitano dell’EA7 Alessandro Gentile

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti