Foggia, Zeman: “Primi 45′ buoni, i secondi no”. Di Grazia: “Sempre bello segnare”

FoggiaAndrea Di Grazia esulta per il gol (foto Antonellis)

Soddisfatto solo a metà. Con il consueto aplomb Zdenek Zeman ha analizzato in conferenza stampa la vittoria per 2-0 del Foggia contro il Messina, valsa ai “satanelli” la qualificazione agli ottavi di finale della Coppa Italia di Serie C. “È stato un primo tempo buono, abbastanza ordinato, con le giuste misure tra le parti. Il secondo tempo o per stanchezza o per la voglia di risparmiarsi in vista di domenica non è stato uguale e non mi è piaciuto” ha detto il tecnico boemo soffermandosi sulla prestazione dei suoi.

Il tecnico del Foggia, Zdenek Zeman (foto Antonellis)

Il riscatto dopo la debacle casalinga di sabato sera è prontamente arrivato: “Volevamo vincere dopo la sconfitta contro la Turris – ha aggiunto Zeman – è vero che però il Messina si è presentato con una squadra molto giovane con pochi elementi che giocano in campionato. Noi ne abbiamo approfittato e nel primo tempo potevamo fare qualcosa di più. Ci stiamo avvicinando al Foggia che ho in mente, ma dobbiamo ancora imparare ad equilibrare le partite. Il gol di Di Grazia? Ha talento, è tecnicamente bravo, deve trovare i tempi giusti per entrare dentro l’area, dove mi serve”. L’ultima battuta è sui tifosi presenti allo “Zaccheria” che hanno sostenuto il Foggia: “Sono contento, anche se non erano in tanti, hanno incitato la squadra e noi li sentiamo vicini”.

I giocatori del Foggia salutano il pubblico (foto Antonellis)

Primo gol in maglia rossonera per Andrea Di Grazia che ha aperto le marcature dando il là al successo rossonero. “Sono soddisfatto sia per me sia per la squadra che ha dato una risposta al brutto risultato di domenica, ma ora pensiamo al Latina perché dobbiamo rialzarci anche in campionato”.

Sul suo inserimento in squadra ha commentato: “Quando è arrivata la chiamata del Foggia non ho esitato a dire sì. Mi hanno accolto bene e mi sono sentito subito a casa, a mio agio. Sicuramente ci divertiremo e faremo cose belle. Pensiamo partita dopo partita, vogliamo arrivare il più in alto possibile. Abbiamo fatto una grande partita di squadra, in questo modo anche le individualità si esaltano. Giocare con compagni che hanno tecnica, corsa e voglia di fare è facile. Il gol? Sempre bello segnare, soprattutto per un attaccante e poi davanti a questi tifosi. Per me è stata una grande gioia e spero di farli gioire tante altre volte”.