Foggia: “Acireale la prova di forza di un gruppo che vuole vincere il torneo”

FoggiaL'Airone ancora in volo (foto Giovanni Chillemi)

Ad Acireale una vittoria che può risultare pesantissima nella corsa alla Serie C. Il bomber dell’Acr Messina Ciro Foggia, intervenuto nel corso della trasmissione “Contropiede”, su Tcf tv, è apparso carico dopo il successo di misura centrato all’Aci e Galatea targato Addessi: “Abbiamo offerto una prova di forza, giocando da squadra. Non era facile, nonostante tutti i problemi che ci sono stati ad Acireale è sempre un campo difficile, sul quale avevano conquistato sette vittorie e un pari. L’Fc ci aveva perso solo due settimane fa. Abbiamo ottenuto una vittoria da squadra forte che vuole vincere il campionato”.

Foggia

Foggia ha siglato dodici reti (foto Giovanni Chillemi)

“Nei primi 10-15′ loro volevano dimostrare che non erano morti come dicevano alcuni. Noi siamo stati bravi a subire poco e niente, poi abbiamo preso la partita in mano per gli altri 70′, andando in vantaggio e anche prima del gol avevamo creato tante occasioni” commenta Foggia sull’andamento del match.

Le tre vittorie consecutive, utili per il cambio di marcia della capolista, sono maturate dopo un confronto nello spogliatoio: “Dopo il pari con il Cittanova e prima della sfida di Biancavilla ci siamo parlati e ci siamo detti che doveva scattare in noi qualcosa, ovvero di essere non solo belli ma efficaci. Si è visto un altro tipo di gioco che all’inizio non facevamo, essendo anche brutti pur di portare i tre punti a casa. Abbiamo fatto queste tre vittorie consecutive non attraverso un calcio importante come prima, ma vincendo partite sporche”.

Foggia

Il centravanti abbracciato dai compagni (foto Giovanni Chillemi)

Su Addessi, match-winner di Acireale e grande protagonista nelle ultime partite, l’Airone spiega: “Simone ci mancava, dall’inizio di stagione aveva avuto problemi fisici e sentiva di voler dare quel qualcosa in più. In quel gol ha mostrato tutta la rabbia che aveva dentro. I nostri esterni quando stanno bene fanno la differenza e dunque abbiamo bisogno di averli al 100%, penso anche a Bollino e Arcidiacono”.

Dopo lo stop del campionato l’Acr sfiderà Fc e Gelbison. Da questi 180′ passerà una grossa fetta di promozione: “Sappiamo che in queste due partite ci giochiamo tanto ma non tutto. Siamo primi per il momento e abbiamo il vantaggio in classifica, le altre hanno da recuperare delle partite e devono comunque vincerle. Mancano ancora tredici giornate e per noi ogni gara è una finale. Prima pensiamo all’Fc Messina, poi alla Gelbison. Chi temo di più? Il destino è in mano nostra, conosciamo la nostra forza. Sia il Fc Messina che la Gelbison sono lì, noi abbiamo rispetto di tutti ma paura di nessuno. Sappiamo di essere i più forti”.

Foggia

Un controllo acrobatico di Foggia

Se l’ex del Melfi pensa a trascinare la squadra con i gol, ben dodici fin qui, dietro l’Acr Messina sta diventando sempre più impenetrabile. Merito soprattutto dei due centrali che il centravanti descrive in questo modo:Lomasto e Sabatino sono la coppia perfetta per la categoria, complimenti al direttore D’Eboli che li ha presi. Con loro ci sono ignoranza e tranquillità giusta. Sabatino è un giocatore fantastico, ti dà tranquillità e fa partire bene l’azione da dietro. Lomasto, invece, ha la cattiveria e la consapevolezza di essere superiore agli altri.  In allenamento ci facciamo la guerra, lui cerca sistematicamente l’anticipo, è difficile proteggere palla perché legge sempre prima l’azione”.

tifosi

I tifosi presenti in collinetta (foto Paolo Furrer)

Al ritorno dalla gara vinta ad Acireale la squadra di Novelli ha ricevuto gli applausi e l’incitamento dei propri sostenitori al “Franco Scoglio”. Un momento emozionante per Foggia e compagni: “Una grande cosa, soprattutto in questo periodo. Col Covid i nostri tifosi ci stanno mancando tanto, dunque è stato bellissimo tornare dalla trasferta trovare quella gente e vedere quell’entusiasmo. Noi giochiamo per la nostra città, sappiamo che Messina non c’entra niente con questa categoria e faremo di tutto per portarla dove merita”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva