Nella fiera degli errori l’Orlandina ha più cuore e conquista il secondo successo stagionale

L’Upea Orlandina è alla ricerca della prima vittoria casalinga davanti al pubblico del PalaFantozzi, la Pasta Reggia Caserta gioca per lasciare l’ultima posizione in graduatoria, essendo l’unica squadra della serie A ancora senza successi. Settimana tribolata per i bianconeri che hanno cambiato allenatore, passando da Molin a Zare Markovski.
La cronaca: In avvio è buona la circolazione di palla ospite e canestro di Gaines in apertura (0-3), persa banale e fallo su Howell che ne mette solo 1 nonostante il secondo libero sbagliato venga fatto ripetere. Altra persa di Freeman e micidiale alley hoop di Young, a sbloccare l’upea è proprio l’americano con un bel canestro in sospensione (2-6). Segna Michelori con un bel canestro in giravolta, risponde Hunt su preciso scarico di Freeman (4-8), Pecile prova lo scarico per Hunt ma un piede avversario annulla l’ottimo assist. Freeman con soli 5 secondi da giocare fa pentole e coperchi con un’altra sospensione a segno (6-8). Troppi i rimbalzi lasciati agli avversari da parte dei lunghi di casa e Howell ne approfitta (6-10). Fuori Pecile per Basile a 4’20”. La voglia di Hunt che strappa un rimbalzo offensivo e riapre per Archie che imbuca da tre seguito da Burgess segna il miglior momento dell’Upea che passa per la prima volta in vantaggio (12-10) costringendo al time out Zare Markovski.

Trentello sfiorato per un decisivo Austin Freeman

Trentello sfiorato per un sempre decisivo Austin Freeman

Infrazione di 24 secondi sul successivo attacco ospite, Markovski chiede più decisione nel portare i blocchi, altra persa Upea, Basile rimedia con una leggera spallata che chiude senza liberi il possibile contropiede casertano. Controsorpasso ospite con Scott dall’angolo (12-13), ancora tre palle perse consecutive di Capo D’Orlando fortunatamente senza subire danni, a 1’15” dentro Nicevic per Hunt. Caserta non è però da meno, altra infrazione di 24 secondi, ultimo minuto di gioco con palla in mano a Basile che fa il play. Burgess deve prendersi una tripla impiccata, Caserta chiude palla in mano ma pasticcia e commette la terza infrazione di 24 secondi del parziale. Si fa male Howell in un fortuito scontro di gioco con un compagno nel tentativo di intercettare un lungo passaggio dell’Upea che con tre secondi sul cronometro tentava di trovare l’ultimo attacco.
Si riparte dal 12-13, sblocca l’equilibrio Young con la prima tripla della serata (12-16), dentro anche Soragna, gran movimento spalle a canestro per Archie che prende il centro e segna i primi punti della sua squadra nel secondo quarto (14-16), fallo di Pecile che sotto canestro contiene come può Michelori che fa 1/2 (14-17), fallo anche di Tommasini che provava a mettere pressione sull’ex azzurro. Girandola di cambi, Mordente ferma fallosamente Nicevic che dalla lunetta è perfetto (16-17). Archie si stacca troppo da Michelori lasciandogli due punti comodi sotto ma si fa perdonare subito con la tripla del 19 pari. Banale malinteso fra le guardie locali che perdono palla sulla rimessa e canestro da sotto di Young. Gioco fermo per quasi cinque minuti per via di un instant replay e due timeout, Pecile impatta a gioco fermo (21-21) con 6′ ancora da giocare. Punteggio basso, molti errori dei tiratori, Soragna spalle a canestro con Mordente sfrutta i centimetri e coun arresto passo e tiro segna il 23-21. E’ proprio però l’ex Milano a segnare la tripla del nuovo vantaggio esterno, in un match che non sembra trovare un padrone. Partita decisamente brutta, con errori da una parte e dall’altra.
Troppo passivi i lunghi di casa in occasione del canestro di Young che ha il tempo di correggere il proprio errore recuperando la carambola offensiva, Pecile si mette in proprio e da tre punti segna la nuova parità. Secondo fallo di Archie su un airball di Mordente, Young fa 2/2, Archie con la sua agilità mette in crisi la difesa ospite e replica il 2/2 casertano (28-28). Fallo su Burgess pressato sul palleggio, bonus esaurito e 2/2 dell’ala orlandina (30-28), ultimo tiro per Caserta che spreca ancora (ennesima infrazione di 24 secondi), Upea che con un secondo scarso riesce ad attraversare la metà campo e ottenere una rimessa in zona d’attacco grazie alla deviazione di Young. Griccioli chiama time out per disegnare uno schema, catch and shoot per Basile che però non va a segno, si va all’intervallo sul 30-28 per l’Upea.

Dario Hunt lotta con

Dario Hunt lotta con Howell e Michelori

Doppio Gaines in apertura di ripresa per il vantaggio ospite, Upea che non esce bene dalla sospensione chiesta da Griccioli, poi Freeman con un gioco da tre punti torna sotto di uno. Ancora Freeman da tre trova il nuovo vantaggio (36-34) e stavolta è Markovski a chiedere minuto. Due su due di Freeman, sospetti passi di Michelori ma tripla Caserta, viaggio in lunetta anche per Burgess, ma Young non molla e Caserta rimane a contatto. scott da tre rimanda avanti la Juve Caserta e Young (seppur discontinuo è il migliore dei suoi) lo imita. terzo di Nicevic su Scott, Caserta a più quattro, schiaccione dell Italo croato che prende la linea di fondo. Un libero di Archie segna il 45-46 di fine terzo quarto.
Parte bene Caserta con la tripla del più quattro, Burgess dimezza lo svantaggio, ma ennesima tripla ospite con Caserta che va a +6 con Michelori (47-53). Griccioli chiama time out a sette minuti dalla fine, Soragna segna una tripla importantissima per il meno tre, Freeman di prepotenza segna il meno uno, poi da distanza siderale mette il più due. upea che si affida al giocatore più in palla, parziale di otto a zero e timeout ospite. Cinque minuti alla fine, quarto di Nicevic, Freeman è indiavolato e segna il più quattro (57-53), ma i campani rispondono con Scott. Ancora Freeman che viaggia verso il trentello, parabola vincente di Gaines a tre minuti Orlandina avanti di un punto. Il professor Nicevic mette il piazzato ma Michelori è lesto a rispondere, Soragna mette palla per terra e aggiusta i piedi per il 63-60, Freeman stavolta sbaglia il canestro della staffa e a 1’40” Zare Markovski chiama minuto. Quinto fallo di Nicevic che sul cambio difensivo non tiene Gaines che però ne mette solo uno. Due liberi per Archie con Michelori che non può tenerlo ma anche Archie be mette solo uno 64-61 a un minuto. Fischio dubbio dell’arbitro con uno sfondo chiamato su canestro segnato (forse Soragna aveva i piedi sullo Smile) e liberi decisivi per l mvp Freeman che segna il 66-61 a 25 secondi. Michelori ne mette uno a 15 secondi e l’Upea con Soragna che fa 2/2 può festeggiare la prima vittoria casalinga dopo il ritorno in serie A. Ininfluente il canestro finale di Caserta e grande festa al PalaFantozzi per una vittoria importante contro una diretta concorrente per la salvezza.

Upea Orlandina-Pasta Reggia Caserta 68-64
Parziali: 12-13, 18-15, 15-18, 23-18
Upea Capo D’Orlando: Archie 12, Freeman 27, Hunt 2, Basile, Soragna 9, Nicevic 6, Pecile 5, Karavdic ne, Burgess 7, Strati. Allenatore: Griccioli Assistenti: Di Carlo – Sussi
Pasta Reggiana Caserta: Howell 3, Gaines 14, Mordente 3, Young 20, Tommasini, Michelori 10, Sergio, Tealdi ne, Moore, Scott 14. Allenatore: Markovski Assistenti: Baioni – Esposito
Arbitri: Martolini di Roma, Borgioni di Roma, Caiazza di Arzano (NA)

La carica della panchina paladina

La carica della panchina paladina

Commenta su Facebook

commenti