Ferazzoli: “Nessuno avrebbe immaginato di giocarsi il primato con l’Acr Messina”

Giuseppe FerazzoliGiuseppe Ferazzoli, tecnico della Gelbison

Dopo la vittoria nel recupero di campionato contro il fanalino di coda Roccella, per la Gelbison è già tempo di preparare il big match di domenica al “Morra” con la capolista Acr Messina. Il tecnico rossoblù Giuseppe Ferazzoli gioisce per l’1-0, anche perché non si fidava dei calabresi, seppur fanalino di coda: “Che sarebbe stata sofferta lo sapevamo, il Roccella aveva preparato una partita importante dopo tante sconfitte. L’abbiamo meritata nel complesso per quanto creato. Era una gara difficile e lo si è visto in mezzo al campo, al di là di quello che potevano pensare gli altri visto che affrontavamo l’ultima in classifica. Il Roccella è una squadra tosta, com’era stata una battaglia domenica a Sant’Agata. Siamo però riusciti a venirne a capo trovando il gol con Mautone”.

Gelbison

L’esultanza dei giocatori della Gelbison a Roccella

A -3 dalla vetta, al secondo posto dopo aver scavalcato l’Fc, la Gelbison può sognare l’aggancio in caso di affermazione contro i giallorossi di Novelli: “Possiamo giocare cercando di arrivare sul gradino più alto sapendo che sarà un impegno molto difficile. Ci arriviamo carichi e consapevoli dei nostri mezzi. Sarà un bell’evento di sport e se ci fosse stata la possibilità di avere i tifosi sarebbe stata una festa per Vallo della Lucania. I ragazzi stanno portando in alto il nome della Gelbison, dimostrando grande senso d’appartenenza”.

“Non la ritengo la partita dell’anno – chiude Ferazzoli – perché anche vincendo non sarebbe niente di decisivo. Va detto che all’inizio della stagione nessuno poteva pensare di giocarsi il primo posto con l’Acr Messina. I punti che abbiamo fatto li meritiamo tutti”.

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva