Pagni: “Spiridonovic una pista importante. Abbiamo rinunciato a Balistreri e Serpieri”

Il ds Pagni ai nostri microfoni
È l’austriaco Srdjan Spiridonovic il nuovo obiettivo del Messina. Originario di Vienna, l’esterno offensivo, classe 1993, proprio come il neo-giallorosso Ciciretti, sembrava ormai ad un passo dal ritorno in patria, ma nelle ultime ore l’offerta giunta dalla Sicilia lo ha fatto vacillare. Anche il direttore sportivo Danilo Pagni, contattato telefonicamente, ammette l’esistenza di una trattativa. “È una pista importante ma difficile” ha commentato, malcelando l’ottimismo, il dirigente originario di Castrovillari.
Il ds Pagni al fianco del presidente Lo Monaco

Il ds Pagni al fianco del presidente Lo Monaco

Proprio Pagni, intanto, ha commentato l’evolversi del mercato, evidenziando il mancato affondo dei peloritani per assicurarsi Pietro Balistreri: “Il calciatore voleva venire a Messina. Non è stato lui a preferire la Reggina, bensì siamo stati noi a rinunciare al suo ingaggio. Vi avevo già detto che avevamo altre opzioni sul tavolo”. Restano percorribili, invece, le piste che portano al peruviano Merino ed al leccese Donida: “Il loro arrivo non può essere escluso, ma al momento non rappresentano delle priorità”.

L’ex ds di Salernitana e Taranto ha spiegato perché la società ha preferito non tesserare Magliocchetti e Serpieri (adesso vicino al Cosenza) dopo un periodo di prova sostenuto in riva allo Stretto: “Non ci servivano difensori centrali, anche perché stiamo recuperando Pepe e Silvestri”. Ennesimo dietrofront infine sul rumeno Marin, che sembrava prossimo alla partenza ma ha evidentemente rifiutato la destinazione individuata dalla proprietà. Pagni chiude definitivamente il caso: “Vlad non sta bene e deve recuperare la forma migliore, ma resta qui”. Stagione davvero tormentata quella del rumeno, esterno sinistro che nelle intenzioni del patron Lo Monaco avrebbe dovuto rappresentare una valida alternativa a Donnarumma sulla corsia. Ma il calciatore, in prestito dalla Juventus fino a giugno, al momento resta un oggetto misterioso, se si escludono i pochi spezzoni in campionato e l’apparizione (con rosso diretto immeritato) in Coppa Italia a Salerno.

Commenta su Facebook

commenti