Debutto interno per l’Orlandina. Sodini: «Sarà una partita ad alto ritmo»

Serie A2Marco Sodini

Si è svolta presso la sala Stampa “Daniele Di Noto” del PalaFantozzi, la conferenza stampa di coach Marco Sodini in vista della prima gara casalinga del campionato di LNP Serie A2 Old Wild West, dove l’Orlandina affronterà la Remer Blu Treviglio. Palla a due prevista per domenica 14 Ottobre alle 18.00 al PalaFantozzi.

Orlandina

Parks e Bruttini in azione

«Treviglio è una squadra giovane. arrembante ed aggressiva. La società ha fatto un investimento importante sull’allenatore, sposando il progetto tecnico di Adriano Vertemati. Un concetto di pallacanestro abbastanza chiaro, fatto di giovani che ci daranno filo da torcere per 40 punti. La squadra è composta da: Caroti, play ottimo tiratore da 3 punti e specialista in campo aperto, Roberts che è il primo violino della squadra, Pecchia un grande attaccante, Olasewere che dà sostanza e impatto sottocanestro, Borra lungo di 215 con un ottimo tocco a canestro. Dalla panchina oltre l’esperto Frassineti, schierano molti giovani come Palumbo, Taflaj, D’Almeida, che nell’ultima partita ha giocato in quintetto e Tiberti, che hanno un’età media di 19 anni.

Noi vogliamo imporre il nostro ritmo e migliorare l’intensità difensiva. Sono certo che davanti al nostro pubblico, che spero accorra numeroso al PalaFantozzi, i ragazzi daranno il massimo. Saremo sempre aggressivi, vogliamo essere una squadra che renda orgogliosa un’intera comunità grazie all’intensità e alla grinta applicata su tutti i 28 metri. Dobbiamo imparare ad essere non belli ma concreti, con Agrigento abbiamo seguito un piano partita preciso, ma siamo stati distratti in qualche occasione. L’esperienza differente tra noi e loro ha fatto il resto, ma durante l’anno sono sicuro che i ragazzi, tramite il lavoro quotidiano, cresceranno sia fiducia che nel controllo delle emozioni.

Sarà una partita a ritmo alto – prosegue Sodini – con strappi da una parte e dall’altra e quello che noi non siamo stati in grado di fare ad Agrigento è stato gestire il vantaggio. Ed è una cosa che dobbiamo migliorare da subito, perché non voglio che, a fronte di un inizio di partita positivo, come quello contro Agrigento, in cui andiamo avanti di 10 punti a inizio partita, subiamo un break in poche azioni che li riporta subito in partita. Bisogna avere consapevolezza del tempo, del punteggio e del ritmo della partita e pur giocando ad alta intensità sono cose che si possono fare. Il mio modello è una squadra di Eurolega.

Orlandina

Marco Sodini in conferenza

Quest’anno ho chiesto ai miei collaboratori di far proiettare un quadro durante la conferenza stampa, ogni settimana. Ho scelto di mostrarvi un quadro di Pieter Bruegel il vecchio, denominato “Giochi di bambini”. La cosa che mi interessa in particolare è la strada, che non è dritta, ma anzi è irta di ostacoli. Con questo voglio far capire ai miei ragazzi che il percorso durante l’arco della stagione sarà pieno di inconvenienti, ci saranno ostacoli da superare, ma alla fine l’importante è superare tutte le difficoltà e trovare la strada giusta per noi.»

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti

WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com