De Vena: “Ero in cerca di nuovi stimoli”. Bernardo: “Ritornare è stato emozionante” (VIDEO)

Alessandro De Vena (foto Paolo Furrer)
Alessandro De Vena (foto Paolo Furrer)

Alessandro De Vena (foto Paolo Furrer)

Dopo il pari di Aprilia per il Messina è tempo di bilanci in chiave mercato. La sessione invernale della campagna trasferimenti si è chiusa venerdì scorso, con i giallorossi attivissimi sia in entrata che in uscita. Ben nove, complessivamente, i volti nuovi. Degli ultimi quattro innesti, due hanno già debuttato in terra laziale, si tratta degli attaccanti Alessandro De Vena e Vittorio Bernardo.

Nella sala stampa del San Filippo il primo a parlare è stato l’ex Viareggio: “Avevo bisogno di trovare nuovi stimoli e sono felice di essere approdato al Messina. Il debutto ad Aprilia era andato bene sino all’infortunio, adesso spero di poter recuperare in tempo per la sfida con l’Aversa Normanna, anche se per farcela credo che sinceramente ci vorrebbe un miracolo. Occorrerà valutare nel dettaglio nelle prossime ore le mie condizioni. La maggior parte dei compagni è di origini campane, come me, e questo ha agevolato certamente il mio inserimento. Inoltre conoscevo già D’Aiello, che era stato con me a Trieste, mentre Pepe e Franco li ho affrontati da avversari. Ritengo che questa rosa abbia tutto per centrare l’obiettivo stagionale e chiudere tra i primi otto posti”.

L'attaccante Vittorio Bernardo (foto Paolo Furrer)

L’attaccante Vittorio Bernardo (foto Paolo Furrer)

All’esordio la punta, in comproprietà tra Napoli e Viareggio, ha mostrato subito grande agonismo: “Sono sempre stato aggressivo, mi piace giocare per la squadra e la maglia, dare un grosso contributo. Prima o seconda punta conta poco, perché per il mister i due attaccanti devono essere intercambiabili ed io posso giocare sia accanto a Giorgio che a Vittorio. Al mio procuratore ho chiesto inoltre di potere rimanere qui anche l’anno prossimo, per giocare presto con questa maglia il derby con la Reggina”.

Per Vittorio Bernardo un ritorno alle origini dopo le stagioni disputate in riva allo Stretto, tra A e B, nel 2004-05 e 2007-08. La punta nativa di Erice, impiegata a gara in corso al “Ricci”, ha sfiorato la rete nel giorno in cui ha spento ventotto candeline: “Peccato per quella traversa, un gol avrebbe reso ancor più bello il mio compleanno. Abbiamo comunque disputato una buona prova, cogliendo un punto importante su un campo pesantissimo. Al San Filippo da domenica prossima dovremo far vedere a tutti quanto valiamo. Mi ha fatto molto piacere tornare a Messina. Quando ho affrontato i giallorossi con la maglia del Teramo, nello scorso dicembre, non pensavo minimamente potesse concretizzarsi questo trasferimento, anche se il ritorno in questo stadio si era rivelato emozionante. Dopo lo scontro diretto sono rimasto impressionato: contro di noi il Messina ha giocato una gran partita, è stata una sfida già degna di altre categorie, come ha ammesso anche il mio ex tecnico”. 

Inevitabile una battuta su Di Costanzo, allenatore dell’Aversa Normanna ed ex tecnico di Bernardo a Messina: “L’ho già incontrato al Teramo da avversario. Spero ora di far bene ripetendo quanto fatto nelle giovanili e soprattutto di arrivare a festeggiare il traguardo prefissato con la squadra al termine del campionato. Le due partite in serie A con la maglia del FC sono la cosa più bella che mi è capitata: spero di ricambiare una città che mi ha dato tanto. Non a caso avevo ricevuto altre proposte, ma quella del Messina era la più gradita. Arrivo qui con grade spirito di sacrificio: si può arrivare facilmente all’ottavo posto”.

Questo il video della presentazione con le dichiarazioni dei quattro nuovi acquisti, del dg Lo Monaco e del ds Ferrigno:

Commenta su Facebook

commenti