CST Sport protagonista in salita e rally

CST SportCoriglie - Grilli

Lo scorso week end è stato caratterizzato dai grandi motori con la 18ª Cronoscalata del Reventino, ottavo round del Campionato Italiano Velocità Montagna, e il Rally del Tirreno, gara messinese in notturna ed unica prova siciliana di Coppa Italia valida per il Campionato Regionale.

CST Sport

Omar Miraglia su Norma

La scuderia di Gioiosa Marea, la CST Sport, si è resa protagonista di un’ottima prova con Omar Magliona che conquista il secondo podio assoluto nel Campionato Italiano Velocità Montagna alla 18ª Cronoscalata del Reventino, disputata il 7 agosto in Calabria. Si tratta di un altro risultato positivo per il “sardo volante” della scuderia CST Sport, che a Lamezia Terme nell’ottavo round del Tricolore ha bissato il terzo posto ottenuto due settimane fa alla 54ª Svolte di Popoli sempre sulla Norma M20 Fc Zytek del Team Faggioli gommata Pirelli (con la quale ha anche ottenuto il secondo posto di gruppo E2SC). Sempre al Reventino si è registrata una splendida vittoria di gruppo E1-E2SH per il bolognese Manuel Dondi che, all’esordio sull’impegnativo tracciato lametino, non ha lasciato spazio a nessuno conquistando punti preziosi per la scalata in classifica, dove si è avvicinato alla vetta con otto vittorie e due secondi posti su dieci gare disputate su cinque appuntamenti tricolori. Denso di risultati anche il 18° rally del Tireno, che si è corso nella notte tra sabato 6 e domenica 7 agosto.

CST Sport

Manuel Dondi Fiat x1/9

Il giovane driver di Santa Teresa Riva Michele Coriglie si è imposto tra le Super 1600 sulla Renault Clio, sulla quale a leggere le note è stato il toscano Federico Grilli. Il vincitore della gara nel 2014 e 2015 era consapevole del gap dalle più prestanti Super 2000, ma con tenacia e bravura ha concluso a ridosso del podio assoluto in 4ª posizione. Affermazione in classe N 1400 per Carlo Naccari e Gianluca De Clo, equipaggio della riviera jonica su Peugeot 106. Roberto Mignani e Vincenzo Leo sulla Peugeot 106 1.6 16V sono saliti sul terzo gradino del podio della classe N2, la più numerosa e combattuta dell’intero rally. Problemi meccanici hanno privato delle sfide per il vertice di classe A6 al nisseno Giuseppe Nicoletti e a Tino Leo di Sat’Alessio Siculo, su Peugeot, entrambi al comando di categoria al momento del ritiro.

Commenta su Facebook

commenti