Cocuzza, tutto facile col Cus Catania. La salvezza è praticamente realtà

Peppino CocuzzaIl team del Peppino Cocuzza

Come da facile pronostico il Cocuzza San Filippo del Mela ha superato al PalaPertini la pratica Cus Catania senza patemi d’animo e, con estrema tranquillità, ma non infierendo sui malcapitati ospiti, ormai certi del declassamento diretto in serie D. 94-64 il finale di una gara mai in discussione.

Il coach filippese Agostino Li Vecchi ha quindi avuto la possibilità di far giocare tutti gli atleti iscritti a referto, compreso il giovanissimo La Malfa che è andato a segno. Copeland sotto i tabelloni non ha avuto alcun problema a spadroneggiare, trovando sulla sua strada avversari da pesi leggeri del Cus Catania. Agurs ha avuto ottime percentuali, sia dal perimetro che dal pitturato, ben coadiuvato dalla new entry Baiardo, pienamente inseritosi nel roster.

Gara senza particolare storia, ormai gli etnei rassegnati alla retrocessione, schierano tutti giovani virgulti, coordinati in campo dal veterano Vitale. Il Cocuzza invece rimettendo a posto le cose, sta disputando alla grande il girone di ritorno, è una delle squadre più in forma del girone ed a due giornate dalla fine è sempre più sicura di rimanere con merito in questa categoria. Prossimo impegno in anticipo sul campo della Nuova Agatirno Capo d’Orlando, ennesimo derby stagionale.

Cocuzza – Cus Catania  94-64

Parziali: 32-8; 52-28; 77-45; 94-64

Cocuzza: Copeland 26, Agurs 26, La Malfa 4, Toto 2, Baiardo 15, Busco 6, Albo 4, Contalo 2, Bellomo 5, Cocuzza, Scilipoti 4. All.: Li Vecchi

Cus Catania: Cicero 7, Vitale 13, Vasta, Messina 5, Baldelli 11, Mazzoleni 24, Monastra 2, Matarazzo 2. All.: Guadalupi

Arbitri :Cannata di Messina e Lucifero di Milazzo

Commenta su Facebook

commenti