Città, Crucitti: “Anno importante per me. Con la Palmese memori dell’andata”

CrucittiCrucitti riavvia l'azione sotto gli occhi di Trevizan (foto Nino La Macchia)

Si è chiuso male il 2018 del Città di Messina, uscito sconfitto dalla trasferta di Castrovillari il 23 dicembre e dal test amichevole con il Camaro giocato sette giorni dopo. Un ko che ha ridisegnato la classifica del girone I, soprattutto nella parte destra dove è adesso collocata la compagine peloritana. I giallorossi hanno ora ripreso gli allenamenti in vista del primo match del 2019, in programma al “Franco Scoglio” contro la Palmese.

E proprio di questo ha parlato Luciano Crucitti, difensore classe ’99 che si è ritagliato uno spazio importante nella rosa di Giuseppe Furnari, con prestazioni positive ed efficaci: “Dopo una serie di risultati positivi non pensavamo di cadere così con il Castrovillari. Siamo entrati in campo un po’ sottotono, però è giustificabile dato che il nostro gruppo è formato maggiormente da ragazzi giovani. Dobbiamo rivedere i nostri errori e rifarci subito con la Palmese, inaugurando al meglio il nuovo anno”.

Crucitti

Luciano Crucitti è alla prima esperienza in Serie D (foto Lorenzo Sarlo)

Lo 0-0 dello scorso settembre in Calabria dimostra che occorrerà la concentrazione massima, come se in riva allo Stretto fosse di scena la capolista: “All’andata pensavamo di trovare una formazione in difficoltà, ma la gara è stata dura da affrontare. Il loro destino sembrava già scritto ma di partita in partita hanno accumulato tanti punti con prestazioni importanti, che li hanno portati addirittura nelle posizioni di vertice. Non dobbiamo sbagliare ancora, cercheremo di ottenere il massimo contro una delle sorprese del torneo”. 

L’ex Messana, che l’anno scorso ha collezionato una ventina di presenze in Promozione, ha stilato un bilancio personale della stagione fin qui giocata con il Città: “Voglio ringraziare mister Furnari e la società per la fiducia che hanno risposto nei miei confronti. Non è stato facile trovare spazio in una squadra piena di elementi validi ed under di prospettiva, ma con l’impegno e la dedizione ho raccolto un buon numero di presenze, dieci tra campionato e Coppa, di cui oggi sono orgoglioso. Qualcuno all’inizio era scettico sulle nostre potenzialità, ma come abbiamo spesso dimostrato il Città di Messina possiede un gruppo in grado di fare la differenza, che adesso si sta giocando a viso aperto la salvezza tanto desiderata. La nostra stagione passerà proprio da questo, io voglio dare il mio contributo in tutte le occasioni che si presenteranno”.

Commenta su Facebook

commenti