Catanzaro, Calabro: “C’erano tante insidie, bella reazione dopo due sconfitte”

CatanzaroAntonio Calabro, allenatore del Catanzaro

Il 2-0 contro il Messina soddisfa Antonio Calabro, tecnico alla guida di un Catanzaro tornato al successo dopo due sconfitte e ora tra le seconde a -4 dalla capolista Bari: “Se vogliamo diventare una grande squadra dobbiamo essere più cattivi quando attacchiamo e anche nelle piccole cose, come il passaggio filtrante o il tiro in porta e nell’andare non soltanto nella fase offensiva ma anche in quella difensiva. Bisogna essere più determinati nell’atteggiamento” ha detto l’allenatore delle “aquile” in conferenza stampa.

Catanzaro

La conclusione di Vandeputte imparabile per Lewandowski (foto Paolo Furrer)

Per i calabresi è arrivata una vittoria fondamentale con la perla del gol del raddoppio di Vandeputte: “C’erano tante insidie. Sicuramente a livello mentale i ragazzi hanno lavorato benissimo in queste due settimane, facendo buone prestazioni ma senza conquistare punti. C’era il timore che si potessero scoraggiare, ma la reazione è stata bella, mi è piaciuta, sia a livello di partita che di intensità. Il gol di Vandeputte da sinistra? Sono contento per Jari, che si esprima meglio a sinistra è risaputo, però va anche detto che quando abbiamo spostato a destra Tentardini ha fatto una buona prestazione”.

Sull’orario di inizio del match, slittato alle 20 a causa della positività riscontrata nel gruppo squadra del Messina, Calabro ha aggiunto: “Eravamo praticamente sul pullman per partire e ci è stato detto del rinvio. Siamo stati bravi a restare sul pezzo, concentrati e determinati. Chi ha giocato a calcio e conosce le varie dinamiche sa che non è semplice in questi casi. Quando siamo arrivati allo stadio non sapevamo a che ora avremmo giocato, se alle 20 o alle 20.30, abbiamo fatto tutto all’improvviso”.

The following two tabs change content below.