Casalpusterlengo espugna un PalaSerranò a porte chiuse. Preoccupa il futuro di Barcellona

Muro contro muro. E’ la situazione che si sta delineando in casa Barcellona; da un lato una squadra che sta emozionando tifosi e città per attaccamento alla maglia e massima professionalità dimostrata, dall’altra una società silente che nulla fa trasparire sulle dinamiche e prospettive future. Numerosi gli appelli dello staff tecnico al senso di responsabilità finora caduti nel vuoto e nessuno si sente di escludere che nel nostro disastrato stato di salute della pallacanestro italiana il caso di Forlì, ufficialmente sparita dalla A2 Gold possa ripetersi. Occhio al campionato però col primo impegno del 2015 che si disputerà ancora al PalaSerranò di Patti malinconicamente a porte chiuse a causa della mancata concessione della licenza temporanea dovuta a motivi di sicurezza. L’ultimo incontro della fase ascendente del campionato vede i ragazzi di coach Giovanni Perdichizzi che incroceranno una concorrente alla salvezza come l’Assigeco Casalpusterlengo, compagine in linea con gli obiettivi stagionali grazie a quattro vittorie ottenute nel girone d’andata. Lombardi che strizzano l’occhio al colpaccio esterno, sospinti dall’entusiasmo per l’acquisto in corso d’opera proprio da Forlì del talento Saccaggi che aumenta le rotazioni nel paco esterni a disposizione di Zanchi. Solite armi per Barcellona che merita grandi consensi in una situazione storica molto difficile ma che rimane in aperta lotta addirittura per l’ottavo posto, ultimo utile per i playoff, traguardo che equivarrebbe alla conquista di uno Scudetto in una stagione così difficile e che si spera possa avere un futuro.

Gioco fermo tra Barcellona e Casalpusterlengo

Gioco fermo tra Barcellona e Casalpusterlengo

La cronaca: come anticipato palas completamente vuoto privo del calore dei supporter giallorossi e che fa male alla casse societarie, coach Perdichizzi cerca il primo successo dell’anno con il quintetto composto da Kelley, Spizzichini, Shepherd, Garri e Da Ros Zanchi risponde con la new entry Saccaggi, Young, Ricci, Poletti e il cubano Sant Roos. Subito ritmi alti in campo Barcellona si porta avanti con due liberi di Spizzichini, due falli spesi subito per Sant Roos, Shepherd regala una prima magia col perno ed il 4-0. Reazione ospite con Poletti e il facile appoggio di Sant Roos, botta e risposta di Shepherd e Poletti (6-5). I lodigiani con l’ex lungo dell’Upea operano il sorpasso ma Garri è preciso a gioco fermo e catalizza il gioco giallorosso (9-7). Ottima difesa di casa e splendido contropiede di Barcellona con Da Ros che serve fuori Shepherd con la tripla del più cinque. Ancora Garri aumenta il divario, Young con la tripla ricuce prima dell’arcobaleno di Kelley lasciato troppo solo in area (16-10). Garri è un leone da sotto, bravo Donzelli a farsi trovare pronto tra le fila Assigeco. Kelley porta a 20 i punti dei locali Vencato segna col fallo. Difese allegre con Shepherd che può inchiodare al vetro. Capitan Ricci suona la scossa ospite dalla lunga (24-18) poi arriva un tecnico per la panchina biancoblu. Il quarto si chiude con l’assistenza di Maresca a Borra che inchioda con veemenza il 27-18 finale. Ottima l’accoppiata di Garri e Shpherd con 15 punti in due.
Si riparte con la regia di Marchetti ed il solito produttivo Shpherd con la Sigma in doppia cifra di vantaggio. Vencato trova la retina col fallo, Donzelli in fiducia segna la bomba dall’angolo (29-23), la reazione la suona prima capitan Maresca dai 6e75 poi il folletto romano dalla carità, 34-23. Il nuovo massimo vantaggio è ad opera dell’ex di turno Fiorito che segna in precario equilibrio. Zanchi ottiene buoni numeri dagli italiani e Donzelli in particolare, lo stesso dicasi per Borra che punisce un mancato raddoppio ed è molto cercato dai compagni (41-30). L’Assigeco con Sant Roos può schiacciare in tranquillità, Venuto rintuzza ai liberi e precede lo splendido reverse di Sant Roos che dimostra grandi numeri (41-36). Barcellona accusa il rientro di Casalpusterlengo ma Garri spezza il digiuno con la bomba frontale. Il primo tempo termina con l’assolo Sigma sul 48-38 con il libero di Spizzichini e la bomba in fade away di Da Ros.

Lunetta per Barcellona

Lunetta per Barcellona

Si riparte con identici five rispetto alla palla a due, botta e risposta a distanza tra Garri, solito fattore e Poletti. L’ex Imola segna sei punti in un amen ma viene ricacciata indietro dal triplone acrobatico di Da Ros (55-44). L’Assigeco cavalca l’onda col doppio canestro pesante di Sant Roos e Ricci che sul meno sei riapre ogni discorso. Perdichizzi decide di alzare il quintetto con Borra e Shepherd insacca due liberi; egual moneta per Sant Roos che precede l’ottima penetrazione di Ricci per il meno tre (57-54). Da Ros e Borra si ostacolano e Donzelli punisce Barcellona mentre in attacco fondamentale è il jumper di Kelley. Il mattatore biancoblu è sempre Donzelli (14) con un bella parabola elude la difesa dei lunghi di casa, finale al 30’ col meno uno di Ricci ed un’Assigeco in grande fiducia ed un break di 13-22.
Ultimo quarto inizia col back door di Maresca che buca la difesa ospite, gli attacchi stentano in questo frangente con una rinnovata vitalità delle difese. Dalla lotta esce vincitore Shepherd con l’appoggio al vetro e fallo, ugual copione per un positivo Maresca ed il gioco da tre punti (68-60). Assigeco a secco da quattro minuti, anemia rotta dal veterano Young. Ricci da capitano riporta ad un possesso Casalpusterlengo che ci crede nel freddo e nel silenzio del PalaSerranò. Young si scuote nel finale e riporta a meno uno i suoi ma sul fronte opposto è Da Ros a pescare il jolly all’ultimo secondo dei ventiquattro. Uno–due di Vencato e Maresca (72-69) in una sfida intensa, bello l’arresto e tiro di Sant Roos che lascia tutto in bilico. Il sorpasso arriva nell’ultimo minuto con la classe del funambolo Young che trova la bomba, otto punti in questo quarto. La Sigma accusa il colpo e la giocata spettacolare è di Sant Roos che ssale al terzo piano e schiaccia di rabbia con tutta la sua energia (72-76). Shepherd fa 2/2 e gara che si decide in volata. Per i lombardi 1/2 per la promessa cubana
e Perdichizzi vuole parlarci su, Kelley mette un solo libero e lo stillicidio continua. L’Assigeco vede lo striscione finale coi liberi del solito Sant Roos (75-79). Barcellona non riesce a ribattere, Casalpusterlengo con un finale vigoroso trova due punti decisivi per il proseguo di stagione. Il 2015 inizia quindi con una sconfitta che frena la rincorsa casalinga della Sigma adesso protesa con l’orecchio fuori dal campo alle vicissitudini societarie ed a un futuro che ad oggi fa paura. Il tempo c’è perché la prossima trasferta di Frolì non si terrà per il fatto che gli emiliani si sono ritirati dal torneo in un quadro complessivo che tende sempre più a tinte fosche.

Le fasi iniziali del match

Ultimi dettagli prima del via

Basket Barcellona-Casalpusterlengo 75-79
Parziali: 27-18; 48-38; 61-60; 75-79
Barcellona: Kelley 9, Marchetti 2, Spizzichini 3, Fiorito 3, Maresca (k) 11, Leonzio ne, Shepherd 17, Garri 12, Borra 6, Da Ros 12. All: Perdichizzi
Casalpusterlengo: Saccaggi, Poletti 12, Costa ne, Vencato 8, Ricci 15, Young 10, Sant Ros 20, Donzelli 14, Spissu ne, Carrizo, Alessandri. All: Zanchi
Arbitri: Beneduce, Cappello e Scudieri

Commenta su Facebook

commenti