Il Campionato Italiano lancia la volata della regular season  

L’appassionante Campionato Italiano di calcio a 5, che si disputa sul sintetico de “Il Campetto”, sta per lanciare la volata della regular season. Sono state disputate, infatti, 14 giornate e ne mancano, quindi, 7 per conoscere le 6 squadre della serie A, mentre le altre 16 si divideranno in B e C.

Prima della seconda fase, le migliori quattro in classifica si contenderanno in un quadrangolare il titolo di “campione d’inverno”. Attualmente Juventus e Ternana guidano il gruppo con 37 punti, seguite, a tre lunghezze, da Spal e Messina. Il Chievo è quinto a quota 30, sesta la Sampdoria (27).  Il bomber più prolifico è Orazio Stracuzzi della Ternana con 50 centri, tallonato da Bottari della Spal (49). Terzo gradino del podio per Capitti (Juventus) ed Impollomeni (Latina), appaiati a 45 marcature.

Nel corso della pausa natalizia, abbiamo intervistato l’ideatore ed organizzatore del torneo di Viale Gazzi Alessandro Olimpio, soddisfatto dell’andamento dell’ottava edizione: “Anche quest’anno il livello tecnico è alto, ma quello che più conta per me è che le formazioni partecipanti si divertano, poi vincerà quella meglio attrezzata”. Qual’è la favorita? “Difficile azzardare pronostici. La Juventus ha forse qualcosa in più delle rivali. Ottimo è pure l’organico del Messina. La Ternana si sta confermando protagonista, mentre la Spal è la sorpresa. Non sottovaluterei, inoltre, le possibilità di Chievo e Sampdoria”.

La finale di una passata edizione

Cosa ci dovremo attendere? “Mesi intensi di partite. Diciamo che stiamo per entrare nel periodo clou e, come prevede il regolamento, pure i giocatori più forti dovranno totalizzare le presenze necessarie (almeno quattro, ndr) per continuare a fare parte delle rose delle varie compagini. Ricordo, inoltre, che il “mercato” si chiuderà a fine mese, quando dovranno essere consegnate le liste definitive dei calciatori”. Le finali del 2 giugno saranno, come da abitudine, una grande festa. “Rispetteremo la tradizione, che vede quel giorno l’impianto colmo di spettatori; vogliono godersi dal vivo le ultime tre decisive sfide e non possiamo deluderli. Oltre alla coreografia, ci teniamo in modo particolare alle premiazione, che è il fiore all’occhiello dell’intero evento”.  

Commenta su Facebook

commenti