Cade il Biancavilla, il Sant’Agata lo aggancia. Città sul +4, primo ko Scordia

La formazione del Camaro

Il Città di Messina continua la sua cavalcata trionfale in campionato agguantando la settima vittoria consecutiva in casa del Caltagirone. I peloritani mantengono salda la presa sulla testa della classifica e volano a quota 41 punti in classifica, imponendosi al ”Bongiorno” per 1-0 deciso da Codagnone. E se la vittoria del Città – a +4 sulle seconde classificate – sembra ormai routine, spicca il trionfo dell’altra compagine peloritana di alta classifica. Il Camaro di mister Ferrara infatti si è imposto per 3-0 al “Marullo” sulla corazzata Biancavilla. Un successo di grande pregio per i neroverdi, firmato dalle reti di Mondello, Paludetti e Portovenero, che cancellano di fatti il ko rimediato a Scordia e spostano gli equilibri in zona play-off. Ad approfittarne ci pensa allora il Sant’Agata, che cancella proprio l’imbattibilità dei rossoblù catanesi. In serie positiva da 16 turni, lo Scordia cede per 3-1 alla formazione di Santino Bellinvia, spinta dalle reti di Cicirello, Matera e Franchina con in mezzo il gol ospite a firma di D’Angelo.

Sesto successo consecutivo per il Giarre di mister Peppe Mascara

Continua a viaggiare ad alti ritmi anche il Giarre, che si impone per 3-0 in casa contro l’Adrano per il sesto successo di fila ed il quarto posto in classifica. A segno Messina, Carbonaro e Riceputo, che condannano ad un esordio amaro il neo mister adranita Vittorio Jemma. Vince nuovamente anche il Rosolini che in casa del Real Aci, sempre più fanalino di coda, agguanta i tre punti vincendo per 2-1. Accelera anche la terza messinese del girone, il Pistunina, che riparte dopo la sconfitta subita a Biancavilla rifilando sette gol ai tifosi ancora in campo con la maglia dell’Atletico Catania. Spicca la doppietta dell’ex Marziale, tra le reti di Grazioso, Ancione, Ghartey, Raciti e Di Maggio. Il Paternò vince poi la quarta sfida di fila, battendo in trasferta con il minimo sforzo il Catania S.Pio X. L’unico pareggio è quello che non serbe a nessuno: ancora in zona play-out, Ragusa e Avola si spartiscono la posta in palio con un 2-2 che le spinge ancor più sul fondo della graduatoria

The following two tabs change content below.
Filippo D'Angelo

Filippo D'Angelo

Passione sfrenata per il calcio ed il giornalismo. Sogna di diventare telecronista sportivo e nel frattempo è voce di un programma radio e firma di più testate online

Commenta su Facebook

commenti