Benvenga: “Spero di dar ragione a Giampà. Mi adatto a qualsiasi posizione”

Benvenga

L’attesa scossa è arrivata. Il Messina deve adesso sfruttare l’onda lunga del successo ottenuto contro il Lecce per risalire ancora in classifica. Oggi doppia seduta al “Celeste” per Corona e compagni, proiettati alla sfida di sabato sera al “Menti” di Castellammare. Assente il portiere Lagomarsini, impegnato a Cremona nella preparazione con l’Under 20 di Lega Pro all’International Challenge Trophy. E’ rimasto, invece, a casa l’altro convocato, il difensore Silvestri, vittima di un attacco influenzale. Al laterale Alex Benvenga il compito di descrivere il momento in casa giallorossa dopo il tonificante 3-1 inflitto ai salentini: “Spero che la vittoria di sabato possa rappresentare davvero l’agognata svolta. Ora dobbiamo dare continuità a questa partita a cominciare dal prossimo impegno. Con il Lecce abbiamo messo grande intensità e indipendentemente dal modulo utilizzato ritengo che avremmo vinto comunque. E’ stata questa la vera differenza rispetto alle precedenti apparizioni. Contro la Juve Stabia ci attende una gara difficile come tutte le altre da qui alla fine. Dovremo affrontare l’avversario interpretando il match come abbiamo fatto con il Lecce. A quel punto tutte avranno paura del Messina”.

L'esterno Benvenga in azione (foto Furrer)

L’esterno Benvenga in azione (foto Furrer)

Contro la squadra di Lerda, al di là del diverso atteggiamento mostrato dal gruppo, è apparso determinante il cambio di modulo varato da Grassadonia. Benvenga, impiegato a destra nella difesa a quattro, la pensa così: “Col 3-5-2 l’esterno è chiamato a ricoprire tutta la fascia, disimpegnandosi dietro e dando al contempo una mano in fase offensiva, mentre col 4-3-3 si ha l’esterno davanti che spinge e quindi ci si può concentrare più sull’aspetto difensivo”.

Nelle sfide casalinghe disputate contro Lupa Roma e Casertana l’ex comasco è stato dirottato per necessità anche sulla corsia opposta, dove le alternative non sono poi così tante. “Per me non è un problema, ho giocato anche a sinistra in passato e andrei persino in porta pur di scendere in campo. Mi adatto a qualsiasi posizione scelga il mister”.

Benvenga in pressing

Benvenga in pressing

Giampà, vecchio compagno ai tempi dell’esperienza con i lariani, ha speso importanti parole d’elogio quest’estate, definendo Benvenga il miglior terzino della Lega Pro. “Spero alla fine di poter dare ragione a Giampà. Il campionato è lungo, ci sono tante partite da disputare e dobbiamo metterci alle spalle il periodo nero ripartendo proprio dalla prestazione fornita con il Lecce”.

Commenta su Facebook

commenti