Alla Sala Laudamo in scena “Roots of Traces” con Michele Marco Rossi

MusicaL'artista Michele Marco Rossi sul palco

Il prossimo 22 febbraio, alle ore 19, nella Sala Laudamo del Teatro Vittorio Emanuele si esibirà il violoncellista Michele Marco Rossi con “Roots of Traces”. L’evento è inserito nella mini-rassegna della Filarmonica Laudamo “Accordiacorde”. L’interazione fra il musicista e il pubblico è la novità assoluta dello stile di Rossi, reduce dalla Biennale di Venezia dello scorso ottobre e protagonista dei principali palcoscenici europei, che riesce a comunicare con il pubblico in maniera assolutamente straordinaria.

Musica

Michele Marco Rossi durante un’esibizione

La teatralità è l’elemento che forse meglio lo distingue dal panorama musicale odierno oltre ad una innata capacità musicale che travalica forme e stili. Un programma pirotecnico preso dal grande repertorio moderno e contemporaneo, con musiche che vanno da Fedele a Sollima per arrivare a Prokofiev, ma anche alla “Suite antica” del compositore contemporaneo Alessandro Solbiati ispirate al musicista barocco Martin Marais. Rossi, apprezzato dai più grandi musicisti contemporanei, classe 1989, ha già in repertorio prime esecuzioni e collaborazioni da Fedele a Penderecki, da Sciarrino a Furrer, da L. Ronchetti a E. Poppe, A. Solbiati, C. Bauckholt, K. Huber, E. Morricone, H. Lachenmann. Si diploma al Conservatorio di Perugia con il massimo dei voti e la lode, segue corsi di musicisti come E. Bronzi, F. Dillon, D. Roccato, G. Pichler (Alban Berg Quartet), Quartetto di Cremona, Trio di Parma. Approfondisce il repertorio barocco con Gaetano Nasillo, Kristin von der Goltz e Marco Ceccato, il repertorio contemporaneo con Ensemble Modern come vincitore della borsa di studio per la International Ensemble Modern Academy a Francoforte e con Lucas Fels (Arditti Quartet), e si diploma nuovamente con il massimo dei voti e la lode ai Corsi di Alto Perfezionamento di Santa Cecilia sotto la guida di G. Sollima. Le performances per violoncello solo, i lavori in Ensemble come PMCE, FontanaMix, Ensemble Modern, Accroche Note, Flame Ensemble, Ensemble Novecento, ContempoArt, e come solista con orchestra, insieme ai nuovi progetti teatrali ed alle collaborazioni con case editrici che già vedono nel loro catalogo lavori a lui dedicati (Edizioni Suvini Zerboni, Edizioni Sconfinarte), costituiscono il centro della sua attività, che coinvolge festival e sale come Biennale di Venezia, Witten Newcomer Konzert, Berlin Philarmonie Kammermusik Saal, Auditorium Parco della Musica di Roma, Cité de la Musique et de la Danse Strasbourg, Ravello Festival, Wiesbaden Kurhaus, I Concerti del Quirinale su Radio 3.

The following two tabs change content below.

Commenta su Facebook

commenti