Al Vittorio Emanuele “La Traviata” di Giuseppe Verdi, con il maestro Carlo Palleschi

Teatro Vittorio EmanueleIl Teatro Vittorio Emanuele

La Traviata” di Giuseppe Verdi, una delle opere più belle e famose del repertorio lirico di ogni tempo, sarà in scena nel Teatro Vittorio Emanuele il 16, 18 e 20 novembre. Sul podio il maestro Carlo Palleschi, regia di Carlo Antonio De Lucia, interpreti: Elvira Fatykhova (Violetta), Giuseppe Altomare (Giorgio Germont) e Roberto Iuliano (Alfredo Germont).

Il maestro Carlo Palleschi

Le scene e i costumi, sono stati realizzati da “Taormina Opera Stars” su disegni di Carlo Antonio De Lucia che curerà anche la regia. A completare il quadro artistico le coreografie di Sofia Lavinia Amisich, l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele, il Coro Lirico “Francesco Cilea” diretto da Bruno Tirotta. La produzione è del Teatro di Messina. Si tratta del recupero dello spettacolo, già programmato per lo scorso maggio e che sarà valido per gli abbonati alla stagione musicale 2017-2018. Lo ha ricordato il presidente del Teatro di Messina, Luciano Fiorino: “Oggi saldiamo un debito, quello che nostro malgrado avevamo contratto anzitutto con i nostri abbonati e poi con tutti gli appassionati di musica lirica che di anno in anno seguono con interesse i nostri cartelloni. Il debito si chiama appunto ‘La Traviata’, che originariamente era stata programmata a maggio. Adesso siamo felici che questo recupero avvenga con artisti di grande qualità”. Il sovrintendente Gianfranco Scoglio, insediatosi lo scorso 15 ottobre, ha voluto sottolineare l’apporto fondamentale di tutte le componenti dell’Ente – gli amministrativi e i tecnici – per far sì che tutto funzioni in tempi così brevi, nonostante tutte le difficoltà, in un periodo così difficile. Il direttore artistico per la musica Matteo Pappalardo ha espresso grande soddisfazione per il recupero dell’opera.

Il regista Carlo Antonio De Lucia

“È l’opera maggiormente rappresentata a Messina, ma la mettiamo nuovamente in scena perché, nonostante le tante rappresentazioni, il pubblico accorre sempre numeroso. Come mai? Avverte che va a vedere un capolavoro e, dalla prima all’ultima nota, rimane attanagliato dalle tristi vicende che incombono sulla protagonista e ne condivide gioie e dolori. Voglio dire con questo che La Traviata è un’opera di tutti, musicata da Giuseppe Verdi con il massimo dell’efficacia e della sensibilità”. Un impegno particolarmente importante, dunque, per l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele e per il Coro lirico “Francesco Cilea” di Reggio Calabria, diretto da Bruno Tirotta. Della compagnia di canto fanno parte anche Sara Palana (Flora), Francesca Canale (Annina), Davide Scigliano (Gastone), Alberto Crapanzano (Douphol), Alessandro Vargetto (Obigny), Maurizio Muscolino (Grenvil) e ancora Antonio Mauceri e Marcello Siclari. La firma di Carlo Antonio De Lucia, in questo caso, è una garanzia, soprattutto se accoppiata alla bacchetta di Carlo Palleschi, che incarna il classico, con una lettura puntuale e rispettosa della tradizione. Di assoluta eccezione il cast, così da rendere onore ad una della opere più rappresentative del repertorio lirico italiano”. Infine, il maestro Carlo Palleschi ha espresso apprezzamento per l’Orchestra del Teatro Vittorio Emanuele e poi ha aggiunto: “La Traviata, tra le opere di Giuseppe Verdi, è una di quella che più ho diretto nel mondo durante la mia carriera, ed è un grande piacere poterla riproporre qui, in un teatro al quale sono particolarmente affezionato.

TEATRO VITTORIO EMANUELE:
VENERDì 16 NOVEMBRE 2018 ore 21.00 (Turno A);
DOMENICA 18 NOVEMBRE ore 17.30 (Turno B);
MARTEDì 20 NOVEMBRE ore 21.00 (FUORI ABBONAMENTO).
Prezzi: platea e primo palchi euro 45 (over65 euro 36, under35 euro 31,50), prima galleria e II ordine palchi euro 30 (over65 euro 24, under35 euro 21), seconda galleria euro 15 (over65 euro 12, under35 euro 10,50). Riduzione strordinaria per la recita di martedì 20 novembre in II Galleria con biglietto unico a 5 euro.

The following two tabs change content below.
Lillo Guglielmo

Lillo Guglielmo

Plurilaureato, giornalista per passione, docente di matematica e dottore commercialista di professione. In una parola: poliedrico.

Commenta su Facebook

commenti