Al Teatro “Mandanici” di Barcellona Sabina Guzzanti con “Come ne venimmo fuori”

Sabina GuzzantiLa regista Sabina Guzzanti

Il prossimo 21 gennaio al “Teatro Placido Mandanici” di Barcellona Pozzo di Gotto andrà in scena il nuovo spettacolo di Sabina Guzzanti dal titolo “Come ne venimmo fuori (proiezioni dal futuro)”.

La locandina dello spettacolo

La locandina dello spettacolo

L’artista romana si presenta al suo pubblico con un nuovo monologo satirico che sarà in tournèe fino al aprile 2016 nei teatri di tante città italiane come Bergamo, Napoli, Bari, Palermo, Catania, Genova, Bologna, Roma, Torino e Firenze. L’evento teatrale è prodotto da Secol Superbo e Sciocco produzioni, in collaborazione con la Fondazione Toscana Onlus. La regia dello spettacolo è curata da Giorgio Gallione, le musiche da Paolo Silvestri, la scenografia da Guido Fiorato e gli abiti di scena da Minimal To. La Guzzanti con “Come ne venimmo fuori” porta lo spettatore in un futuro immaginario, dove il denaro è tornato ad essere un mezzo e non un fine. In questo mondo ogni anno, al fine di non perdere la memoria, si tiene un discorso sulla fine del periodo storico degli anni che vanno dal 1990 al 2041. La protagonista, SabnaQƒ2,  affronta il discorso celebrativo analizzando le ragioni che avevano spinto gli uomini e le donne dell’epoca a cadere tanto in basso: frustrazione, ignoranza, miseria, compensate da ore e ore trascorse a litigare su facebook e a guardare programmi demenziali, incapaci di reagire alle innumerevoli angherie a cui venivano continuamente sottoposti.

Sabina Guzzanti durante lo spettacolo

Sabina Guzzanti durante lo spettacolo

Una ricerca storica accurata che esamina la televisione dell’epoca, i suoi leader, le convinzioni economiche e politiche, i passaggi storici nodali e che ci restituisce una imperdibile conferenza spettacolo sull’attualità politica e sociale, anche attraverso l’interpretazione di una galleria di personaggi contemporanei.

 

Sabina Guzzanti durante lo spettacolo

Sabina Guzzanti durante lo spettacolo

Commenta su Facebook

commenti