Al Policlinico inaugurata la mostra dei pazienti oncologici

Università di MessinaIl Policlinico di Messina

Presso il Padiglione H del Policlinico “G. Martino” è stata inaugurata la mostra di pittura con opere dei pazienti oncologini. L’evento rappresenta l’atto conclusivo del terzo corso rivolto alle persone con un percorso di cura oncologica in atto o già superato. Il corso si inserisce all’interno del Progetto di Umanizzazione delle cure, giunto alla sua quarta edizione.

Università di Messina

Il prof. Giuseppe Altavilla

Umanizzare è una parola sempre più ricorrente nei programmi di cura: un’espressione significativa, che si concretizzata costantemente nelle attività della UOC di Oncologia della A.O.U. Policlinico “G. Martino”, diretta dal prof. Giuseppe Altavilla. A dirigere il corso di pittura, al termine del quale sono state esposte le opere prodotte dai partecipanti (circa venti), sono stati i Maestri Jose Martino, Claudio Militti, Piero Serboli e Aurelio Valentini. La cerimonia inaugurale, fra l’altro, è stata anche l’occasione per presentare il portale intitolato “L’uscita a Colori” (prodotto da tutti gli allievi) che abbellirà la sala d’attesa all’ingresso del reparto. Di valore altamente simbolico, il portale rappresenta un percorso di cura che nasce accompagnato da grosse incognite (indicate da un punto interrogativo) e si conclude con la consapevolezza di poter lottare e, talvolta, vincere la sfida (c’è anche un punto esclamativo). “L’evento – ha detto il prof. Altavilla – è stato inteso come una festa dedicata a tutti i pazienti oncologici, protagonisti del nostro lavoro. Vogliamo dar loro degli esempi concreti di cosa significa umanizzazione delle cure; il supporto psicologico, in tal caso, rappresenta quel valore in più che si aggiunge alla cura medica ritenuta più valida. Umanizzazione è una parola molto bella che dovrebbe essere intrinseca alla medicina e questo progetto indica che noi lo abbiamo compreso. La fruizione e l’abbellimento della struttura è un qualcosa che condiziona positivamente noi operatori sanitari, anche in veste di docenti universitari. Pure i nostri studenti e gli specializzandi, lavorando, studiando e venendo, come spesso accade, a contatto con un ambiente ricco di colore e di quadri, capace di dare input positivi, possono trarre aiuto e giovamento per il loro corso di studi”. La manifestazione è stata allietata dalla voce della soprano Paola Miraglia, accompagnata alla tastiera da Francesco Micali. L’organizzazione, invece, è stata curata dalle dott.sse Francesca Albiero e Stefania Panetta.

Commenta su Facebook

commenti