Agrigento, Ciani: “E’ un derby. Dovremo contenere l’aggressività di Barcellona”

Fortitudo Agrigento

La quinta giornata del girone di ritorno regala un derby molto interessante fra i padroni di casa della Briosa Barcellona Pozzo Di Gotto e la Fortitudo Agrigento. Si tratta di una rivalità quasi decennale che accompagna queste due realtà, avversarie già dai tempi dell’allora serie C2 con la Progetto Basket. La seconda in classifica sfida l’ultima ma guai a dare per scontato il risultato, Barcellona ha sempre dimostrato grande pericolosità fra le mura amiche mentre Agrigento in trasferta si esalta (2 sconfitte in tutto il campionato lontano dal PalaMoncada) e arriva da un ottimo momento, vittoria in casa contro Roma e successo nell’insidiosa trasferta di Tortona. Inoltre gli uomini di Ciani avranno il roster al completo, cosa successa raramente in questa stagione. Recuperato pienamente anche il capitano Albano Chiarastella, autore di una gran partita al rientro domenica scorsa. Martin sarà l’uomo da tener d’occhio, per lui un super momento, 21 punti di media a partita senza mai scendere sotto la soglia dei 20 punti.
In sede di preparazione alla gara il coach della Fortitudo Franco Ciani ha sottolineato la difficoltà del match: “Credo che il primo dato significativo su cui fare una riflessione sia l’ottima partita giocata da Barcellona a Siena, nonostante non fosse al completo. Vuol dire che avremo di fronte una squadra che se non aggredita, se lasciata giocare, se non contenuta in quelle che sono le sue armi migliori può insidiare qualsiasi avversario, in particolar modo sul proprio campo e in un derby particolarmente sentito dalle squadre e dalle rispettive tifoserie”.
In conferenza ha parlato anche l’ex di turno Marco Evangelisti che non si fida delle qualità di Barcellona: “A mio parere la classifica non rispecchia il valore di Barcellona. Se pensiamo di avere vita facile ci metteremo in difficoltà da soli. Dobbiamo andare in campo con la stessa fame che abbiamo dimostrato in campi come Scafati e Tortona, cercare di metterli sotto pur sapendo che daranno il massimo considerando che si trovano in una posizione difficile”.

Commenta su Facebook

commenti