Addessi: “Sento la vicinanza di tutti. Mi assicurano che tornerò come prima”

AddessiAddessi ha firmato la sua settima rete contro il Roccella (foto Giovanni Chillemi)

La stagione di Simone Addessi si è chiusa con sette reti all’attivo. Un bottino significativo per l’esterno offensivo, partito titolare soltanto in dieci gare e subentrato in altre sei. Poi un brutto infortunio al tendine d’Achille: “La riabilitazione mi sta lentamente permettendo di sentirmi un po’ meglio. Ho tolto il gesso e il tutore e dopo venti giorni ho sostenuto la prima terapia manuale. Dispiace perché volevo dare un contributo fattivo alla squadra, è stato un periodo particolare e difficile. Ma dal giorno dell’operazione ho sentito la vicinanza da parte di tutti, compresi i tifosi, e questo mi ha fatto molto piacere”. 

Simone Addessi

L’attaccante Simone Addessi in sala stampa

Il gruppo, allestito dal ds D’Eboli scommettendo su tante vecchie conoscenze, è stato l’arma in più dell’Acr, al di là di ogni retorica: “Mi mancano tanto i miei compagni, spero di tornare il prima possibile a Messina e rivederli. Voglio stare vicino a loro per raggiungere l’obiettivo finale, anche se non in campo, ma per supportare moralmente un grande gruppo. Con tanti compagni ci ho giocato in passato e li conoscevo. Gli altri sono gran bravi ragazzi e subito si è instaurato un bel feeling. Nello spogliatoio c’è un clima positivo e sono sicuro che rimarrà sino al termine della stagione”.

Addessi, che in carriera era stato grande protagonista nella Turris, con la doppia cifra e la promozione, vanta già convincenti annate in C con Fondi e Cavese. Il suo auspicio è di recuperare in fretta: “Mi chiedo se potrò tornare come prima ma ho ricevuto rassicurazioni in tal senso che con una buona riabilitazione potrò anche migliorare. È stato il primo infortunio serio della mia carriera e all’inizio ho avuto timore ma ora sono sereno e concentrato sul lavoro da fare per essere il prima possibile in campo. Sono vicino ai miei familiari, poi il sostegno dei compagni e della città mi permette di stare sereno e attendere il completo recupero post-riabilitazione. Spero di rimanere, perché sto bene a Messina”.

Addessi

Simone Addessi ha chiuso in anticipo la sua stagione per un infortunio

Il bilancio stagionale è comunque positivo, anche per il feeling con società e allenatore, come ha ribadito ai microfoni di Telespazio: “Con Novelli ho un ottimo rapporto e ciò è confermato dal fatto che ci sentiamo spesso con lui in settimana. Ci siamo limitati a mettere in campo ciò che chiedeva il mister. A livello societario non ci è mancato nulla, questo è importante oltre la qualità della rosa. Abbiamo un ottimo staff che ci ha trasmesso positività. A livello personale avrei potuto fare qualcosa in più perché frenato all’inizio da acciacchi mentre nel girone di ritorno stavo bene e avevo trovato il gol”. 

Il modulo dell’Acr ne ha esaltato le caratteristiche e il gol vittoria in uno dei match più attesi dell’anno è quello che ritiene più significativo: “Sentivo di essere in forma e mi riuscivano cose già fatte anni prima. È un peccato ma guardo avanti e penso positivo per ottenere l’obiettivo finale. Con il 4-3-3 già mi ero espresso in passato. Conosco bene questa disposizione. Mi sentivo indietro a livello fisico mentre il tiro e l’attaccare gli spazi sono le peculiarità del mio gioco. Il gol con l’Acireale in trasferta è il più emozionante anche perché al nostro ritorno i tifosi ci attendevano per festeggiare con noi. Ho sempre giocato d’esterno d’attacco, è quello il ruolo che prediligo ma anche se schierato da trequartista non mi tiro indietro”. 

Addessi

Addessi portato a spalla dai compagni dopo l’infortunio (foto Michele Martinisi)

Dopo due settimane di sosta forzata, torna il campionato. A sette giornate dal termine, con quattro punti da amministrare, la C sembra finalmente a un passo: “All’andata con il Santa Maria Cilento non c’ero per problema fisico. È un’ottima squadra: siamo fermi da due settimane, perciò la gara richiederà applicazione e attenzione. Nessuno regala niente. Sappiamo cosa dobbiamo fare, siamo forti e proseguendo su questa strada possiamo riportare Messina dove merita. Vogliamo fare questo regalo alla città, una piazza molto calorosa. I tifosi non potendo entrare allo stadio hanno visto le gare dalla collinetta. Abbiamo sempre avvertito la loro vicinanza tramite messaggi e sostegno. Merita altre categorie e il professionismo”. 

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma