Acr Messina, bloccati due portieri. In attacco gli under Adorante e Busatto

Andrea AdoranteAndrea Adorante ha vinto quattro trofei con le giovanili dell'Inter

È entrato nel vivo il mercato dell’Acr Messina, che dopo avere salutato i protagonisti dell’ultima stagione ha praticamente concluso cinque operazioni, che però saranno ufficializzate soltanto all’inizio della prossima settimana. Il direttore sportivo Christian Argurio ha definito l’ingaggio di due portieri, che erano stati bloccati già da giorni. Nessun nome prima dell’ufficialità, ma l’identikit è chiaro. Sasà Sullo punterà su un over come titolare, in grado di dare assolute garanzie in un ruolo apicale, in una categoria che mai è stata così competitiva.

Giuseppe Rizzo

Giuseppe Rizzo in azione con la maglia del Catania

Il secondo invece sarà un under, in grado di giocarsi il posto, tenendo comunque conto che per il minutaggio da parte della Lega possono essere soltanto due i classe ’99 titolari. Il portiere juniores non sarà Caruso, al quale il Messina aveva proposto un biennale. L’ex Rieti ha preferito una piazza, Pagani, dove dovrebbe ottenere più agevolmente una maglia da titolare e dove ritrova il ds Cocchino D’Eboli e l’ex compagno Carmine Cretella.

Per il centrocampista messinese Giuseppe Rizzo, che vanta quasi 300 presenze tra i professionisti e un triennio nel Catania, si attende soltanto lo svincolo dalla Triestina. A quel punto l’operazione, già definita, potrà essere ufficializzata. Ottimismo anche per l’arrivo di un giovane di prospettiva in difesa. Accordo di massima già raggiunto anche per i prestiti di due giovani dal sicuro avvenire in attacco.

Andrea Adorante

Per Andrea Adorante quattro reti con la Primavera del Parma

Si tratta di Andrea Adorante, 2000 che quest’anno ha esordito in A con il Parma, giocando nove minuti nel match perso a Bologna, e tre gettoni in Coppa Italia, impreziositi dal gol al Pescara. Il 21enne è stato poi girato in prestito in C alla Virtus Francavilla, dove ha collezionato 17 presenze, siglando anche la rete del pareggio contro la Ternana capolista. In precedenza quattro centri nella Primavera gialloblu.

Ma la sua esplosione era arrivata nel vivaio dell’Inter, con cui ha vinto lo scudetto Primavera e un Torneo di Viareggio nel 2017/18 e l’anno precedente il campionato Under 17 e la Supercoppa. Con i nerazzurri ben 26 reti, la più prestigiosa nella Uefa Youth League, la Champions League giovanile, contro il Psv Eindhoven. Nel marzo 2019, con il bomber argentino Icardi fermo ai box, l’allora tecnico Luciano Spalletti lo aveva inserito tra i convocati ma un brutto infortunio al ginocchio lo mise fuori causa e ne ha un po’ frenato la scalata. Messina potrebbe rappresentare il suo trampolino di lancio.

Sergio Sabatino

Sergio Sabatino in azione a Castellabate

L’altro profilo già bloccato dall’Acr è Tommaso Busatto, 2002 che ha firmato ben dodici reti e cinque assist con la Primavera del Vicenza nell’ultima stagione. Da segnalare in particolare la doppietta al Parma e le quattro reti rifilate, tra andata e ritorno, al Monza. I regolamenti di Lega Pro consentono di ottenere fino a otto prestiti e il club peloritano lavora per raggiungere questo tetto. Per ciò che concerne i reduci dell’ultimo torneo sembra avere chance di permanenza soltanto Sergio Sabatino, che peraltro può giostrare sia da esterno come ha fatto spesso in carriera in C, che da centrale, come è avvenuto nell’ultimo torneo.

Per ciò che concerne i movimenti minori, potrebbero essere ceduti in prestito nelle categorie dilettantistiche, per accumulare esperienza, i tre giovani del vivaio che sono stati aggregati in prima squadra nell’ultima stagione. È il caso del portiere Francesco Lima, classe 2004, del difensore Nino Garofalo, 2001 e l’esterno offensivo Matthias Manganaro, 2002 in grado di giostrare anche a centrocampo.

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma