Zeman: “Modica è un fratello. Mio padre non è libero da quando ha denunciato”

Karel ZemanKarel Zeman in posa accanto al logo dell'Acr Messina (foto Giuseppe Murabito)

Da Rando a Zeman con una costante, il modulo. Il nuovo allenatore dell’Acr Messina non ha dubbi infatti: “Tutti possono essere capaci di giocare con il 4-3-3. È evidente che servono caratteristiche, abilità tecniche e fisiche che al momento non ci sono al cento per cento ma possono essere acquisite. Contano di più volontà e unità d’intenti”. 

In riva allo Stretto si sta ricomponendo il suo staff di fiducia: Oggi è arrivato l’allenatore in seconda, Simone Quintieri, che sarà affiancato da un altro collaboratore. Se fossi venuto a inizio anno ce ne sarebbero stati anche altri, adesso sono sparpagliati in varie squadre”. L’applicazione dei metodi “zemaniani” sarà graduale: “Per facilitare l’intesa tra di loro sto lavorando quasi sempre a metà campo. Non posso quindi giudicare l’aspetto fisico. Non mi sto magari rendendo conto di quanto potrebbero reggere a campo intero”. 

Giacomo Modica

L’ex tecnico giallorosso Giacomo Modica

Karel ha lavorato negli ultimi tempi con Gabriele Martino e Giovanni Martello, potenziali ds dell’Acr: “Entrambi mi hanno dato totale fiducia. Sono persone che stimo, a cui voglio bene Con Martino ho lavorato per un anno, con Martello un po’ di meno perché la società non era molto organizzata e ho deciso di lasciarla presto. A Gela sono venute a mancare un po’ di cose, soprattutto la stabilità da parte della proprietà, che aveva minacciato di lasciare a più riprese. Ovviamente la squadra non si allenava come doveva e io non potevo fare il mio mestiere”. 

Dopo Modica e Biagioni, il presidente Sciotto si assicura quindi un altro cultore del 4-3-3: “Giacomo mi ha fatto l’in bocca al lupo. Siamo come fratelli, io tifo per lui e lui tifa per me. La panchina mi mancava tantissimo anche perché ho frequentato il corso Uefa Pro a Coverciano e mi sono reso conto che anche chi allena squadre di Champions League, serie A o B veniva a chiedermi qualche consiglio. Quindi non capivo perché dovessi restare a casa”. 

Zdenek Zeman

Zdenek Zeman ha allenato il Messina nel 1988

Inevitabile un riferimento a Zdenek, che trentuno anni fa allenò l’Acr in B: “La storia di mio padre la conoscete. Quando era a Messina ancora era un allenatore libero. Poi è stato inquisito e quindi la sua carriera è terminata nel 1998, quando si è permesso da persona onesta di accusare chi non lo era”. 

Il suo gioco offensivo, poco votato alla difesa, ha fatto inevitabilmente scuola: “Anche a Coverciano si parla soltanto di lui, quando si studia il calcio, anche se al di fuori purtroppo viene detto altro. Anche se tanti addetti ai lavori non fanno spesso il suo nome, la gente ricorda sempre il suo marchio di fabbrica”. 

Commenta su Facebook

commenti