Visite mediche e tamponi, poi l’Acr Messina in ritiro con i primi tesserati

MilazzoUna fase della sfida tra il Milazzo e il Città di Messina ad Antillo, sede del ritiro dell'Acr

I primi tre acquisti dell’Acr Messina edizione 2021/22 sono giovani di prospettiva. A conferma che anche in C gli under rivestiranno un ruolo chiave. Dopo Konate e Gonçalves, il direttore sportivo Christian Argurio ha definito anche l’arrivo di Andrea Adorante, attaccante di proprietà del Parma, con ampi trascorsi (e quattro trofei vinti) nelle giovanili dell’Inter e l’esordio in C con una ventina di gettoni e un gol nella Virtus Francavilla. L’annuncio indiretto è arrivato dal procuratore, poi la conferma del nuovo ufficio stampa, che succede a Paolo CrisafiEstefan Tirrito e i collaboratori di Radio Night, ai quali va il ringraziamento della Redazione per la collaborazione nella stagione ormai alle spalle.

Andrea Adorante

Andrea Adorante arriva in prestito dal Parma

Il club confida di ottenere svariati prestiti da club professionistici, fino al tetto massimo di otto trasferimenti. D’altronde il Covid ha azzerato i ricavi da botteghino e da abbonamenti e ridotto anche le sponsorizzazioni, per cui per far quadrare i conti diventano davvero fondamentali i premi economici riconosciuti in cambio dell’impiego di giovani con meno di 22 anni, per i quali ormai concorrono anche le big del torneo.

Il centrocampista guineano Amara Konate ha grande voglia di rivalsa dopo una stagione sfortunata, in cui gli infortuni e il Covid ne hanno drasticamente ridotto il minutaggio ma in passato a Perugia, in serie B, aveva mostrato doti e numeri confortanti. Anche il difensore portoghese Tiago Gonçalves non ha trovato molto spazio al Real Valladolid B, mentre era stata positiva l’esperienza nel Genoa, con cui aveva collezionato una trentina di gettoni e quattro assist (uno contro la Juventus) tra “Primavera” e Torneo di Viareggio.

Città di Messina

Antillo ospitò i ritiri di Città di Messina e Jonica (foto Familiari)

Schierare i due stranieri non consentirà di ottenere bonus economici legati al minutaggio, ma entrambi si sono legati con un contratto biennale all’Acr, che spera di poterli lanciare con profitto in serie C per ottenere magari in futuro una plusvalenza economica. Si attende l’annuncio anche per l’altra punta Tommaso Busatto, 2002 che ha firmato ben dodici reti e cinque assist con la Primavera del Vicenza nell’ultima stagione, per i due portieri, un over con ampia militanza in C e un under classe 1999 che rappresenterà l’alternativa al più esperto compagno, e un terzino destro, che non dovrebbe essere Bruno Cascione. L’intendimento insomma è quello di un pressoché totale rinnovamento della rosa che ha vinto l’ultimo torneo di D.

Il ritiro precampionato scatterà tra giovedì 5 e venerdì 6 agosto ad Antillo con circa 15-16 tesserati, ai quali dovrebbero aggregarsi altri tre elementi in vista dell’eventuale firma. La partenza sarà comunque preceduta dalle visite mediche di rito e dai tamponi anti-Covid. Gran parte dei convocati avrà già svolto la preparazione autonomamente o con i club con cui era tesserato in precedenza. L’organico sarà poi puntellato con degli over in grado di innalzare il tasso tecnico del gruppo, che al momento stanno ancora aspettando eventuali chiamate dalla serie B.

Christian Argurio

Il ds Christian Argurio torna a Messina dopo sei stagioni

Non sarà semplice, soprattutto in una prima fase, organizzare amichevoli in zona, come accade solitamente in estate. La recente esperienza del Bari, che di fatto a causa dei contagi ha in parte vanificato l’utilità della preparazione estiva, impone infatti massima cautela. Eventuali avversari, anche dilettanti, dovranno sottoporre l’intero gruppo a un test Covid, per scongiurare sgradite sorprese a un Acr che già parte in ritardo rispetto al resto del lotto.

Ad ogni modo non ci si fascia la testa. Anche nel torneo di C, edizione 2015-16, con Argurio dietro la scrivania, il Messina partì in grande ritardo, con una finestra di mercato riservata dalla Lega dopo la riammissione originata dalla retrocessione a tavolino della Vigor Lamezia. I giallorossi iniziarono a sorpresa il campionato con quattro vittorie e quattro pareggi, cedendo soltanto alla nona giornata sul campo del Foggia. La C rispetto ad allora è cambiata ma Sullo punterà a limitare i danni, pur consapevole delle difficoltà che la nuova sfida giallorossa potrebbe riservargli soprattutto in avvio.

Autori

+ posts

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

The following two tabs change content below.

Francesco Straface

Direttore di MessinaSportiva, che ha fondato nel 2005. Ha lavorato nelle tv private messinesi TeleVip e Tremedia per 13 anni, nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria") e per 6 anni presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma