Venuto: “Inizio devastante, disposto a farmi da parte. Mercato deficitario, ko immeritato”

Antonio VenutoLa Palmese si separa dal tecnico Antonio Venuto

Il tecnico del Messina Antonio Venuto non pecca certo di onestà in fase di commento. Il ko con la Cittanovese è duro da digerire, un po’ come accaduto all’esordio a Mugnano: “Come a Portici abbiamo perso immeritatamente, dopo avere subito soltanto un tiro in porta. L’unica disattenzione della difesa è stata punita. Non siamo stati fluidi nel gioco, però anche gli avversari non hanno fatto sfracelli. Avevamo avuto il pallino del gioco in mano e potevamo segnare con Dezai, ma poi abbiamo preso gol su una ripartenza micidiale, sulla quale abbiamo evidentemente qualche responsabilità”.

tifosi Messina

Non è bastato il supporto di 150 messinesi all’ACR contro la Cittanovese

Ai microfoni di Radio Amore, l’ex tecnico del Due Torri ha analizzato anche la vana replica della squadra nella ripresa: “Mi aspettavo una reazione della squadra nel secondo tempo. Avevamo quattro punte a un certo punto, ma la supremazia territoriale non è stata sufficiente per pareggiarla. Lo 0-1 finale ricalca in pieno il nostro momento negativo. Abbiamo le polveri bagnate. Finora l’unico gol lo ha realizzato il giovane Mascari e questo la dice lunga. Quando meritiamo di perdere lo facciamo come contro la Nocerina. Quando ci comportiamo discretamente, subiamo queste cocenti delusioni”.

Venuto

Venuto chiama un cambio: da quest’anno in D è possibile effettuarne ben cinque

Inevitabilmente è necessario stilare i primi bilanci e per il Messina sono ampiamente negativi: “Dobbiamo uscirne con serenità ed analizzare bene la situazione. Ci ha penalizzato un mercato deficitario in termini di under. La formazione vanta buone individualità, ma paghiamo l’avere soltanto due ’99 in rosa, peraltro entrambi nel reparto offensivo. Ancora una volta, come domenica scorsa, ne abbiamo adattato uno sulle corsie esterne del centrocampo”.

Quando gli si chiede dei tifosi, presenti in gran numero, il tecnico è chiaro: “La città viene ampiamente umiliata e questo, da messinese, mi brucia moltissimo. Il direttore sportivo Fabrizio Ferrigno è appena arrivato, speriamo possa operare gli accorgimenti necessari. Non ci aspettavamo una partenza così devastante. Sono disposto anche a mettermi da parte e venire al campo soltanto da tifoso. Sono disposto a qualsiasi sacrificio, purché il vessillo giallorosso torni presto a sbandierare in alto”. 

The following two tabs change content below.
Francesco Straface

Francesco Straface

Ideatore di MessinaSportiva nel 2005, per tredici anni - dal 2002 al 2014 - ha lavorato nelle emittenti private TeleVip e Tremedia. Vanta alcune esperienze nella carta stampata ("Il Dubbio" e il "Quotidiano di Calabria"). Dal 2016 è tutor presso la Scuola di Giornalismo della Lumsa di Roma

Commenta su Facebook

commenti

RESTA SEMPRE AGGIORNATO

MessinaSportiva